Ritorno a scuola: risolto il problema degli spazi per le Medie

C’è la soluzione relativamente al problema della distribuzione degli spazi per la Carano e la Losapio di Gioia del Colle. L’idea della quale la nostra testata ha parlato alcuni giorni fa, a margine di un sopralluogo, riguardava la possibilità di ampliare i volumi della Losapio così da ricavare le due aule di cui necessita. L’idea oggi è un’altra, forse più fattibile e di sicuro più rapida.

La soluzione – ha spiegato lo stesso sindaco Mastrangelo- prevede l’utilizzo di una stanza della Carano e poi l’ampliamento interno per la Losapio. In questo modo potremo garantire alla Losapio le due aule di cui ha bisogno. Inoltre aggiusteremo l’impianto di aerazione dell’auditorium della Carano e poi potremo utilizzare un’area inutilizzata della palestra della Losapio, per allestire l’aula Covid”.

Questa soluzione, a detta di Mastrangelo, sembra aver trovato il benestare di entrambi i Dirigenti scolastici e sarebbe stata assunta dopo un sopralluogo dei tecnici nei due istituti.

Prima di questo sopralluogo la questione era stata dibattuta, ma solo in via preliminare e senza addivenire ad una soluzion, in occasione di un tavolo tecnico, istituito proprio per analizzare come affrontare le problematiche legate alla ripartenza scolastica secondo le disposizioni anti-Covid. Al tavolo hanno preso parte lo stesso Mastrangelo, i presidenti dei rispettivi consigli di istituto della Carano-Mazzini e Losapio-San Filippo Neri, gli Assessori Romano e Valentini, l’Utc, Filomena Pavone come Consigliere dell’opposizione e il Dirigente degli istituti superiori di Gioia.

La situazione più complicata da risolvere sembrava essere quella legata appunto alle due scuole medie, ma si dovrebbe aver trovato la quadra.  Al momento l’Ufficio tecnico sta terminando i computi metrici per poi procedere a pianificare gli interventi.