Ripartono oggi i lavori per la biblioteca comunale

scuola losapio

Si è riaperto oggi il cantiere della ex scuola Losapio, dopo mesi di stop forzato legato non solo all’emergenza Covid-19. I lavori negli ambienti che fino a qualche anno fa hanno ospitato a Gioia del Colle gli alunni della scuola media, sono finalizzati alla realizzazione della nuova e moderna biblioteca comunale. il progetto è stato redatto ed ammesso a finanziamento durante l’amministrazione guidata da Donato Lucilla.

Si tratta di poco meno di un milione e mezzo di euro, ottenuti pochi mesi prima che l’amministrazione cadesse. Nonostante i problemi politici, il progetto è andato avanti per lo meno sino alla scorsa estate. E’ del luglio 2019, infatti, una nota della Regione, inviata a seguito della richiesta del nostro Comune di erogare la prima tranche di pagamenti, pari al 40% dell’importo stanziato.

“Con riferimento alla suddetta domanda – si legge nella nota- questa Sezione ha rilevato delle discordanze tra le voci del progetto posto a base di gara e quello ammesso a finanziamento. Le suddette discordanze sono state rilevate sia con dicitura delle singole voci di spesa che ai relativi importi economici”.

Detto ciò al Comune è stato chiesto di chiarire la situazione e nell’attesa sono stati fermati i lavori. “C’è una situazione di particolare difficoltà su quel cantiere perché la Regione Puglia non riconosce alcune modifiche al progetto esecutivo e in questo senso bisognerà capire il perché siano state fatte tali modifiche. Sono intervenute delle modifiche rispetto al progetto iniziale  che hanno generato un aggravio di spese che la Regione non riconosce. I lavori sono così stati interrotti, ma qualche giorno fa ci è arrivata una diffida da parte della ditta proprio relativamente all’interruzione dei lavori”. Queste le dichiarazioni a riguardo, che il sindaco Mastrangelo rilasciava a Gioianews nel novembre scorso.

Prima di essere bloccati dall’emergenza Covid, l’iter relativo al progetto è andato avanti e pare si sia riusciti a risolvere la questione al punto tale che oggi gli operai dovrebbero già essere a lavoro sul cantiere. Non per questo, tuttavia, la vicenda può dirsi risolta. La ditta ha infatti accettato la ripresa dei lavori, ma con riserva. Pende infatti sul Comune di Gioia la possibilità che la stessa avanzi una richiesta di risarcimento danni per tutto il tempo in cui i lavori sono stati bloccati per vizi progettuali e non certo per emergenza sanitaria.