Primo Maggio: La sottosegretaria Bellanova su crisi Ansaldo e Natuzzi

"Sulle tante vertenze aperte in Puglia se non siamo ottimisti siamo sicuramente speranzosi su una loro soluzione positiva”.

È il messaggio di speranza del sottosegretario al Lavoro, Teresa Bellanova che parla del futuro dell’Ansaldo di Gioia del Colle, dove il tempestivo intervento di Governo e Regione ha scongiurato il licenziamento di 197 lavoratori.

L’Ansaldo di Gioia del Colle – racconta Bellanova – era una società destinata a chiudere, era stata già comunicata ai sindacati e al ministero la cessazione dell’attività. Ci siamo subito attivati avviando un confronto serratissimo; Ministero del Lavoro e dello Sviluppo economico insieme hanno aperto un fronte comune e alla fine assieme alle organizzazioni sindacali e alla Regione abbiamo convinto l’azienda a revocare la sua scelta. E così dalla cessazione dell’attività siamo passati agli ammortizzatori sociali e alla cassa integrazione”.

Adesso – continua la sottosegretaria – le persone sanno che c’è un anno di tempo nel quale si lavora per dare maggiore solidità per cercare commesse e per spostare magari in Italia alcune commesse localizzate in altre parti per riavviare le attività produttive a Gioia del Colle”.

La sottosegretaria Bellanova fa il punto anche sulla vertenza Natuzzi, l’azienda dei divani, con i 1500 lavoratori dichiarati in esubero, un centinaio dei quali gioiesi: “Siamo arrivati a siglare qualche settimana fa un contratto di solidarietà per tutto il personale dichiarato in esubero mentre la Natuzzi – conclude la sottosegretaria – si è impegnata a riportare in Italia pezzi di produzione dall’estero”.

About Massimo L'Abbate 1139 Articoli
Direttore Responsabile

Commenta per primo

Lascia un commento