ESCLUSIVO Inchiesta/ Ecco chi è stato più colpito dal Covid a Gioia del Colle

Chi sono coloro che sono stati colpiti dal Covid-19 a Gioia del Colle? Che fascia di età è più esposta al contagio? Attraverso l’analisi dei contagi presenti attualmente nel territorio comunale risultati positivi allo screening molecolare (tampone naso-faringeo) per il Covid-19, si è provato a stratificare la popolazione dei contagiati secondo alcuni criteri.

Analizzando esclusivamente gli anni di nascita dei contagiati nel nostro territorio siamo riusciti a fare una stratificazione dei contagi e a dividerli per fasce di età. Abbiamo voluto aumentare il numero dei segmenti riferiti all’età per analizzare la diffusione del virus ad esempio nella popolazione in età scolastica, dividendo la parte studentesca che viene accompagnata a scuola e quella che invece può essere autonoma negli spostamenti.

I grafici mostrano le percentuali di distribuzione dei positivi per decadi di età e le percentuali sono arrotondate per eccesso, in caso di decimali.  Le percentuali più alte di positività si ritrovano in quelle fasce (40-49 anni e 50-59 anni, rispettivamente 20 e 17%) popolate di cittadini che, probabilmente per esigenze lavorative sono esposte a maggiori contatti sociali. Le percentuali scendono poi nella misura in cui con l’aumentare dell’età (60 anni ed oltre) si è più predisposti a rimanere in casa.

Rispetto ai dati epidemiologici forniti dalla  Regione Puglia (https://regione.puglia.it/web/speciale-coronavirus),  non ci sono significativi scostamenti percentuali riferiti alle fasce di età nella casistica gioiese. Solo dopo i 70 anni a Gioia vi è un apparente aumento di circa il 3% dei contagi rispetto alla media regionale, ma è evidente che quest’ultima comprende grossi numeri su un territorio assai vasto.




E tuttavia Gioia rispecchia decisamente il trend pugliese, pur mantenendo un rapporto del numero dei contagi medi rispetto alla popolazione comunale ridotto.