Convenzione tra Comune e associazione musicale: il centrosinistra vuole chiarimenti

Pubblicità elettorale 2019

Pubblicità elettorale 2019

Committente: il candidato

municipio web 4nov12

La coalizione di centrosinistra che scende in campo a Gioia del Colle per le Amministrative 2019, che nel suo programma elettorale considera la cultura quale elemento fondamentale non soltanto per l’arricchimento della coscienza collettiva della comunità ma anche per il suo sviluppo economico e lavorativo, vuole richiamare l’attenzione sulla recentissima deliberazione del Commissario Prefettizio, Umberto Postiglione, che approva una convenzione tra il Comune di Gioia del Colle e l’associazione musicale e culturale Daniele Lobefaro per l’organizzazione e gestione del concorso internazionale di musica Pietro Argento.

Negli anni passati la manifestazione ha goduto di un contributo da parte dell’Amministrazione per la sua buona riuscita. Ma “tale convenzione, – recita una nota della coalizione guidata da Donato Paradiso – di durata decennale (2019 – 2029), prevede di destinare la somma di euro 20.000,00 a titolo di contributo, sul bilancio 2019 per l’organizzazione dell’evento, oltre a una serie di servizi gratuiti (affissione comunale, ufficio stampa, spedizioni postali, uso del teatro comunale e del pianoforte Yamaha C5), nonchè servizi oggetto di rimborso (indennità e/o compensi collaboratori, compenso direzione artistica, noleggio pianoforti, spese di accoglienza, spese di soggiorno e pasti giuria, rimborsi e compensi giuria, pick up da e per aeroporto, spese tecniche teatro, servizio di pulizia teatro, stampati, dominio e gestione sito web, spese grafiche, pubblicità, promozione e comunicazione…)”.

E proprio la coalizione di centrosinistra “evidenzia che, da un lato,  – continua la nota – non è stato posto un tetto massimo ai servizi gratuiti e ai rimborsi previsti, con il rischio concreto e conseguente che questi possano raggiungere cifre ragguardevoli; dall’altro, non si comprende in maniera univoca cosa la stessa convenzione voglia dire all’art. 5, nella parte in cui recita: “Il Comune si impegna a intervenire economicamente con un finanziamento a titolo di contributo di € 20.000,00 (diconsi ventimila), per gli anni dal 2019 al 2021 e per gli anni a venire”.

Su questo aspetto la coalizione di centrosinistra chiede al Commissario Prefettizio Postiglione, di chiarire se la somma di 20.000 euro si riferisca al triennio o ad ognuno dei singoli anni (2019, 2020, 2021).

“Nel primo caso – recita la nota – verrebbe confermato quanto già previsto dalla convenzione precedente, pertanto nulla quaestio (al netto del necessario e atteso chiarimento sul limite a servizi gratuiti e rimborsi). Se invece i 20.000 euro riguardassero ognuno dei singoli anni (con un impegno di spesa potenziale pari a 200.000 euro per i prossimi 10 anni), tale scelta, presa a poco più di due settimane dalle elezioni amministrative comunali, parrebbe quantomeno discutibile per almeno due ordini di ragioni. Il primo attiene ad un profilo di iniquità nei confronti di altre associazioni culturali che operano da anni sul territorio gioiese, proponendo eventi di rilevante e consolidato impatto sociale, economico e mediatico; il secondo attiene ad un profilo di opportunità, in considerazione della nota, difficile situazione in cui versano le casse comunali e della conseguente incertezza dei margini di manovra”.

Se quindi la cifra non riguarda il triennio, La Bottega, il Partito Democratico e aSinistra invitano “il Commissario a ritirare la delibera, – conclude la nota – ritenendo opportuno che la questione formi oggetto di valutazione del futuro sindaco democraticamente eletto”.

“Orientamento formativo e riorientamento”

“Orientamento formativo e riorientamento”