Approvato il Bilancio comunale: previsti anche 900 mila euro per rifare le strade

Approvato il primo Bilancio di Previsione dell’Amministrazione Mastrangelo, Gioia del Colle può cominciare a cantierizzare diversi progetti. A parlarne è l’Assessore al Bilancio, Giuseppe Gallo.

Cosa ci racconta questo bilancio?
Non stiamo messi né benissimo, ma neanche così male con le difficoltà comuni a molti bilanci comunali.
C’è una difficoltà nel recupero dell’evasione tributaria, nonostante una buona attività di recupero fatta nel 2019. Poi durante quest’anno si è verificato un rallentamento dovuto al Covid e alla possibilità data dal Governo di sospendere le rateazioni in corso.
Sarà comunque un bilancio che ci consentirà di continuare a garantire i servizi come il trasporto locale, mensa sin da subito, reperendo risorse per questi servizi importanti per la comunità.
La spesa sociale è rimasta inalterata quindi adesso proseguiremo con i servizi alla persone previsti negli anni precedenti e una importante quota di avanzo soprattutto per gli anni precedenti, saranno destinati per esempio alle strade. Parliamo di 900mila euro, per lavori che saranno cantierizzati già da quest’anno che riguarderanno strade urbane ed extraurbane e marciapiedi. Ci rendiamo conto che non sono tantissimi per le esigenze del territorio, ma faremo del nostro meglio intervenendo sui tratti più importanti. Stiamo a lavoro per individuare le strade messe peggio su cui intervenire. Sarà data dignità al cimitero monumentale con l’acquisto di attrezzature, attività di restauro.
Abbiamo faticosamente recuperato il finanziamento per la biblioteca, poi ci sarà quello per il parcheggio di scambio su via Lagomagno e poi il ponte di via Giovanni XXIII.



Ci sono dei tempi per la cantierizzazione?
Certo. Lo stesso vale per il campo Martucci, su cui è intervenuto un finanziamento Coni. Il progetto è stato rivisto, facendo sì che anche il rugby ne potesse usufruire.

Si prevedono interventi anche sulle tribune?
Soprattutto. Gli interventi in primis riguarderanno quelli e quando finiranno i campionati, abbiamo avuto una deroga fino al 30 giugno 2021 per l’utilizzo degli impianti, ultima proroga e poi interverremo.

E sulla polemica per la rinegoziazione dei mutui?
Come hanno fatto tanti altri comuni, tra cui quello di Bari. Come amministrazione abbia colto subito l’occasione del Governo che ha capito le difficoltà dei Comuni. Avremo disponibilità finanziaria di circa 300mila euro all’anno per 10 anni e questo per ora ci fa stare tranquilli. Pensiamo allo stato attuale e fino al 2031 cambieranno molte cose.
Grazie a questa operazione abbiamo creato spazi finanziari per 427mila euro senza i quali sarebbe stato difficile chiudere il bilancio, a latere di quello che il Governo ci ha dato per il Covid, ovvero quei 750mila euro, su cui entro il 30 aprile 2021 dovremo rendicontare.

Una quota del bilancio riguarda la questione rifiuti. Le tariffe sono invariate?
Per ora non sono variate ma siamo in attesa di conoscere il nuovo piano tariffario.

Potrebbe arrivare la bolletta col panettone?
Il rischio c’è.

Quindi nessun taglio per il welfare, per la cultura. Tutto rispecchia la situazione dello scorso anno?
Sì. Questo è un grosso risultato ottenuto grazie alla rinegoziazione dei mutui.

Perché il commissario Postiglione ha parlato di un buco che avrebbe potuto mandare in dissesto il comune di Gioia?
Avrà fatto le sue valutazioni, sicuramente ci sono molti crediti da recuperare e bisogna attivarsi. Il nostro prima atto di giunta è stato quello di stralciare dal bilancio un milione di residui attivi, per avere un quadro più completo della situazione attuale che non è drammatica ma comunque da attenzionare.

Le spese legali, i debiti fuori bilancio, le cifre accantonate ci saranno anche quest’anno?
Abbiamo istruito tutte quelle pratiche legate ai debiti per evitare spese e aggravi. C’è una relazione dell’ufficio contenzioso che non fa emergere nulla di nuovo di quanto già non si sapesse, ma per le quali sono state accantonate già le somme.