PD Gioia: si torna a discutere di politica? E intanto perde la sede

L’entrata nelle fila del Partito Democratico di Federico Antonicelli non è stata per nulla digerita da diversi iscritti del circolo di Gioia del Colle, che in un documento comunicano la decisione di creare un’area tematica all’interno del gruppo per tentare un rinnovamento democratico.

L’idea è semplice. Preso atto dei clamorosi errori di gestione del PD negli ultimi due anni, dalla conduzione commissariale fallimentare, poi una infruttuosa segreteria unitaria, le scelte di posizionamento nell’ultima tornata elettorale e per ultimo lo schiaffo dato all’assemblea che quasi unitariamente si era espressa negativamente sull’entrata di Antonicelli nelle fila del partito, sembra finalmente arrivato il tempo di reagire.

In che modo? I fondatori dell’Area Tematica “Rinnovamento Democratico” (questo il nome dell’area tematica prevista da statuto), che per ora sono Piera De Giorgi, Gianni Valletta, Gianfranco Falcone, Vanni Nicastri, Paolo Covella,  rivolta ad iscritti e simpatizzanti, hanno l’obbiettivo di approfondire la discussione sul rinnovamento della politica, per costruire una piattaforma politica e programmatica aperta a tutte le forze del centrosinistra e del Civismo democratico. Di fatto riappropriandosi del ruolo che si era prefissato il primo PD, cioè di forza aggregante di discussione con i cittadini.

Come questo gruppo si porrà di fronte ad esempio all’attuale commissario del circolo è tutto da vedere, l’importante per ora è distinguersi dagli altri, da quelli che hanno portato a questa situazione in vista anche del prossimo congresso che si prevede a novembre, vale a dire dopo il referendum costituzionale voluto dal segretario nazionale Renzi.

Insomma, l’idea è che diventi un punto di incontro per le nuove leve e per tutti i simpatizzanti, per trasformarsi, forse, forza da contrapporre nelle scelte del futuro gruppo dirigente gioiese.

Intanto entro la prossima settimana si dovrà abbandonare la sede in Piazza Plebiscito e a tutt’oggi gli iscritti non sanno che fine farà il circolo dedicato a Franco Giannico.