Arrestato con auto rubata e pistola

carabinieri-gazzella

È stato fermato a Gioia su un’auto rubata con il volto travisato da un passamontagna, guanti alle mani e con una pistola in macchina. I carabineri dell’aliquota radiomobile della Compagnia di Gioia, guidata dal capitano Fabio Di Benedetto, hanno arrestato il 26 febbraio, un 64enne di Acquaviva, Francesco Montenegro, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo è finito in manette con le accuse di detenzione e porto illegale di arma da fuoco clandestina e munizioni e ricettazione.

I militari, nel corso di un servizio perlustrativo, mentre transitavano in via Dei Peuceti, hanno notato una utilitaria con due persone a bordo, il cui passeggero aveva il volto coperto da sciarpa e cappellino. Insospettitisi, dopo averne seguito i movimenti, gli operanti sono riusciti a fermare il mezzo e a bloccare il solo passeggero, mentre il conducente, resosi conto dell’arrivo dei militari, era riuscito a dileguarsi. Il passeggero, che tra l’altro indossava anche un paio di guanti, sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di una pistola semiautomatica clandestina “Azanza y Arrizabalaga” mod.1916, cal. 7,65, di fabbricazione spagnola, munita di caricatore contenente 6 cartucce. L’uomo è stato arrestato e su disposizione della procura della Repubblica di Bari, si trova nella casa circondariale del capoluogo pugliese.

Sciarpa, cappello e guanti sono stati invece sequestrati, insieme alla pistola, sulla quale, d’intesa con l’autorità Giudiziaria, verranno effettuate delle verifiche tecnico-balistiche da parte di militari della sezione investigazioni scientifiche del reparto operativo del comando provinciale di Bari al fine di accertare l’eventuale utilizzo della stessa arma in episodi delittuosi. Sono infine in corso accertamenti volti all’identificazione del conducente del mezzo.

About Massimo L'Abbate 1138 Articoli
Direttore Responsabile

Commenta per primo

Lascia un commento