Area sequestrata per abusi edilizi e sbancamento roccia calcarea

I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Gioia del Colle hanno posto sotto sequestro un’area di circa 10.000 metri quadrati interessata da lavori di sbancamento, frantumazione meccanica e livellamento della roccia calcarea e su cui c’erano delle nuove costruzioni in assenza delle necessarie autorizzazioni.

La trasformazione urbanistica ed edilizia del territorio è stata aggravata dalle operazioni di sbancamento del suolo e dalla frantumazione meccanica della roccia calcarea, attraverso l’abbassamento della quota dal piano di campagna per oltre un metro e mezzo.

Le indagini condotte dalla locale Stazione Carabinieri Forestale hanno consentito di accertare la natura abusiva delle opere, in quanto realizzate in un’area di particolare pregio naturalistico e paesaggistico.

Mancavano inoltre le autorizzazioni paesaggistiche ed ambientali necessarie, in quanto l’area è individuata come Zona di Protezione Speciale e Sito di Importanza Comunitaria Murgia Alta (Rete Ecologica Natura 2000), ed è soggetta a vincolo paesaggistico, oltre ad essere tutelata dal PPTR della Regione Puglia.

Il committente delle opere realizzate abusivamente è stato deferito all’Autorità Giudiziaria della Procura della Repubblica di Bari.