Serra lascia la Lega. Il Segretario Colaprico: “Nessuna comunicazione, nè motivazione”

La fisionomia del Consiglio comunale di Gioia del Colle cambia forma, potenziando un gruppo consiliare e ridimensionandone un altro.

Abbiamo voluto analizzare il passaggio della Consigliera Lia Serra eletta nel 2019 da La Lega nella lista Mastrangelo Sindaco proprio col Segretario della Lega che nella tornata elettorale era uscita dalle urne come il partito di maggioranza relativa, contando ben tre consiglieri.
Il passaggio, avvenuto a novembre, è stato reso noto solo ora, con una intervista rilasciata dal presidente del Consiglio Vito Etna.
Al segretario cittadini della Lega, Miky Colaprico, abbiamo chiesto quindi perché la notizia di questo passaggio è uscita a distanza di mesi e cosa cambia all’interno della maggioranza.



Segretario, abbiamo appreso solo ora che il terzo Consigliere eletto nella Lega nella tornata elettorale del 2019, Lia Serra, da novembre è confluita nella lista Mastrangelo Sindaco. Ci sono motivazioni interne alla Lega?
Io ho appreso la notizia non come segretario di partito, ma in via ufficiosa dal Presidente del Consiglio Etna.
Ufficialmente come rappresentante politico della Lega a Gioia del Colle non ho avuto nessuna comunicazione in merito. Non è giunta nessun tipo di comunicazione e sono stato io a comunicarlo ai miei organi superiori.

Anche in via ufficiosa, la Lega non ha ritenuto opportuno comunque comunicarlo agli elettori e alla Città?
Come ho già detto, non mi è giunta nessuna comunicazione ufficiale da Serra. Per questo ho ritenuto opportuno non fare nessuna nota stampa né comunicarlo in modo ufficiale agli altri militanti perché, di fatto, non saprei nemmeno spiegarne i motivi.
Non ci sono stati motivi scatenanti o di discussione all’interno del gruppo, assai probabilmente i rapporti si saranno raffreddati e come la stessa Serra ha dichiarato solo in questi giorni pubblicamente avverte più affinità con un percorso politico diverso. Forse riuscirà ad operare anche meglio e troverà altri stimoli per lavorare più energicamente. Certo, in molti sono rimasti delusi.

Vi siete incontrati dopo novembre?
Ci siamo incontrati, ma non ho voluto chiederle nulla perché questi argomenti vanno discussi nelle sedi politiche.

La Lega è uscita dalle urne come il partito di maggioranza relativo con tre Consiglieri. Ora il partito di maggioranza è la lista Mastrangelo Sindaco. Al netto delle scelte legittime di Serra, questo passaggio non andavo comunque spiegato, a maggior ragione perché cambiano gli equilibri usciti dalle urne nel 2019?
Noi riteniamo che all’interno della maggioranza ci siano degli equilibri che non verranno intaccati perché si sta lavorando bene. Gli equilibri sono comunque stabili e consolidati e non sono previste discussioni in merito. Tanto più che nessuno rivendica nulla.

Segretario, ma se non ci sono problemi, perché tacere allora su questa scelta del tutto legittima?
Ho voluto rispettare la sua scelta e anche la sua caratterialità. È una persona taciturna, non interagisce molto, ecco perché auspico che trovi un ambiente più giusto per lei con più stimoli, perché in realtà fino ad oggi non c’è stato un plus per la Lega.
La Lega è serena, né personalmente non mi sento offeso di non essere stato contattato. Siamo solo delusi dal modo in cui ha operato questa scelta.