Scandalo mafia e politica: arrestato membro gioiese del clan Di Cosola

Si aggiunge un altro nome alla lista delle 22 persone che a vario titolo sarebbero coinvolti nello scandalo di voti comprati da un clan barese alle regionali del 2015 a favore di un candidato.

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Bari hanno arrestato Giuseppe Coletta, 50enne di Gioia del Colle, anch’egli presunto affiliato al clan “Di Cosola”. L’uomo, che non si era reso reperibile durante il blitz dell’alba del 13 dicembre scorso, era attivamente ricercato dai Carabinieri che lo avevano braccato ed avevano ormai stretto il cerchio intorno a lui. Individuato, gli è stata comunque notificata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere.

Sale dunque a 23 il numero degli arrestati nell’ambito dell’importante operazione “Attila 2”.

Secondo l’accusa Coletta sarebbe tra gli affiliati ritenuti  più affidabili nel clan “Di Cosola” con una delle più elevate cariche mafiose, aveva avuto un importante ruolo nell’ambito della movimentazione di ingenti quantitativi di stupefacenti, principalmente in tutta l’area del nord barese, nonché nella custodia di armi da fuoco a disposizione dell’organizzazione. Di fatto era tra i più fedeli referenti dell’intero clan.