Scacchi Pro Loco. In 54 a gareggiare

scacchi proloco 4nov12

Un numero di partecipanti, di cui tanti giovani, quasi raddoppiato rispetto all’anno scorso, giocatori provenienti anche dal centro Italia e professionisti di fama internazionale. Ha fatto davvero scacco matto la Pro Loco. La terza edizione del torneo nazionale di scacchi organizzato dalla sede di Gioia è stata la prima mossa vincente del neo presidente Augusto Angelillo.

Dal 1° al 4 novembre nel chiostro del Comune si sono sfidati 54 giocatori provenienti da ogni parte di Puglia e persino da Ancona, Roma e Matera. Tra loro anche quattro gioiesi, di cui la più piccola partecipante del torneo, di appena 8 anni, e il vincitore della classifica Elo da 0 a 1649 punti, Davide Benedetto, figlio d’arte. Suo padre Giuseppe, infatti, è il presidente del circolo gioiese della disciplina. Grazie alla gara di Gioia il giovane ha ottenuto un punteggio internazionale che lo farà entrare in prima categoria.

“Siamo soddisfatti – commenta Augusto Angelilloperché è stato un torneo elevato per quantità (19 giocatori in più del 2011, ndr) e qualità“. Fra i partecipanti infatti c’erano anche i detentori del titolo italiano Under 10, 14 e 18 e una giovane nazionale che a breve partirà per i mondiali in Slovenia (Alessia Santeramo di Barletta, prima classificata del torneo A).  Vincitore assoluto del torneo A (giocatori di qualsiasi categoria con punteggio Elo) è stato il maestro Luigi Dalfino di Taranto, che era già stato primo classificato nel 2010. Lo scacchista si è imposto con cinque vittorie e una sola sconfitta su Savino Lattanzio di Barletta al termine di una finale molto combattuta. Terzo classificato Samuele Pizzuto di Bari, già campione italiano del gioco per corrispondenza. Nel torneo A si sono imposti anche Andrea Manfroi di Roma, vincitore nella categoria fino a 1799 punti e Vincenzo Lombardi di Barletta, primo nella categoria fino a 1949 punti. “Gli scacchisti sono da ammirare per la pazienza, l’attenzione e la concentrazione  – dice l’assessore alla Cultura Piera De Giorgi –. Sono persone che si assumono sempre le loro responsabilità  quando sbagliano ne accettano le conseguenze“. “La vita, come la politica, è spesso un’estenuante partita a scacchi – aggiunge l’assessore allo Sport Filippo Donvitoanche se a volte è meno divertente. Ma bisogna avere pazienza, difendersi quando le cose non vanno bene e piazzare la mossa vincente al momento opportuno“.

Nel torneo B (giocatori anche non classificati o con punteggio Elo fino a 1499) il  vincitore assoluto è stato Davide Poggiolini di Bari per gli uomini e Lucia Cafagna di Barletta per le donne. Nello  stesso torneo sono stati premiati Luca Manfredi di Canosa (Under 12), Luca Quarto di Triggiano (Under 14) e Francesco Mongelli di Bari (Under 16).

About Massimo L'Abbate 1138 Articoli
Direttore Responsabile

Commenta per primo

Lascia un commento