Covid-19/ I gioiesi andranno a vaccinarsi a Sammichele. Bocciata, per ora, l’ipotesi del PalaCapurso

I vaccini si faranno a Sammichele di Bari, sede dell’Hub vaccinale per il Distretto Sanitario n.13. A dare la risposta finale alla possibilità o meno di rendere Gioia centro vaccinale è stato il sopralluogo tecnico della Asl di questa mattina che, di fatto prevedendo un Hub ogni 65 mila abitanti, lo avrebbe già individuato altrove.



Nulla da eccepire sulla struttura e sulla logistica, ma Sammichele è più centrale rispetto ai Comuni che deve servire. Cioè, un Comune di 6500 cittadini circa, dovrà ospitare abitanti provenienti ad esempio da Gioia che ne conta 28mila.

Del resto il Comune di Sammichele aveva anticipato in un post sui social lo scorso 26 marzo che avrebbe ospitato l’hub vaccinale anche per i Comuni limitrofi.

A nulla è valsa la preparazione degli interni da parte della Protezione civile di Gioia del Colle che ha allestito con sedie e altro materiale a dimostrare l’efficienza del PalaCapurso. Del resto proprio ieri i volontari del Gruppo di protezione civile di Gioia sono stati sottoposti a vaccinazione dal personale Asl proprio al PalaCapurso e tutto è filato liscio come l’olio.

Dalle prossime settimane sembrerebbe dunque che i gioiesi dovranno recarsi fuori paese per potersi vaccinare e tutti i vaccini anti Covid-19 verranno inoculati a Sammichele.

Erano presenti anche diversi medici di base gioiesi e l’Amministrazione comunale che aveva dato la sua piena disponibilità a concedere la struttura per le vaccinazioni. Del resto anche la Asl Gioia si era mostrata positiva su questa possibilità e si era lavorato assieme in tal senso nei giorni scorsi.

È pur vero che ci sono circa 14 corse di autobus durante il giorno, anche se nessuna dalle 9 alle 12,  ad unire i due paesi, con l’auspicio che fermino nei pressi del centro vaccinale soprattutto per le persone più anziane. Proprio questi è assai probabile che verranno accompagnati da parenti con mezzi propri intasando il centro.