Con i Lariulà i canti tradizionali pugliesi

lariulà 6nov12

A giugno a Santeramo, a settembre a Sammichele, a novembre a Gioia, ma davanti ad un pubblico tutto romano. I Lariulà sono appena partiti, ma nessuno li ferma. Bravi, appassionati, decisi. Al 102° raduno dei camperisti romani all’ agriturismo “Antico Leccio” hanno solo inaugurato un viaggio che li porterà aldilà dei confini della Puglia. Un gruppo folkloristico che porta sul palcoscenico canti della tradizione popolare pugliese, salentina, garganica e partenopea. Quei canti trasmessi oralmente, di cui ognuno ha la sua versione, sentiti da tutti almeno una volta per bocca di nonni e bisnonni. Obiettivo è quello di esportare la nostra tradizione sul territorio nazionale e internazionale. Qualcuno già pare desiderarli da Toronto. Tre donne e cinque uomini. Passione musica, passione terra. Si alternano e si accompagnano le voci di Teresa Benincasa e Adele Tramacere, saltuariamente anche con quella di Pino Tramacere, che ufficialmente riveste il ruolo di chitarrista. La formazione si completa poi con Tommaso Lillo e il ritmo della sua tammorra, Giorgio Carbonara al basso acustico, Gino Donvito alle percussioni e Mario D’Elia, unico non gioiese della band, con la fisarmonica. Terza donna del gruppo, in veste di danzatrice, Irene Galatola. Il successo finora sempre largamente riscontrato è per loro carica. Voglia di fare sempre meglio e di proporsi sempre di più. Passione musica, passione Sud. I Lariulà, altro gioiello gioiese.

About Massimo L'Abbate 1138 Articoli
Direttore Responsabile

Commenta per primo

Lascia un commento