Approvato il Bilancio del Comune. Bocciate tutte le proposte della minoranza

Il Consiglio comunale di Gioia del Colle approva finalmente il Bilancio di previsione 2017, o meglio la maggioranza, perché le opposizioni votano contro.

“Ora non hanno più alibi. – dice il consigliere di opposizione Donato Paradiso – Hanno il loro primo Bilancio e ora devono cominciare a lavorare”.

Insomma, come a dire basta col solito mantra che proviene dagli scranni della maggioranza “quelli prima di noi hanno lasciato le macerie, quelli di prima erano il malaffare, bisogna rimettere le carte a posto ecc..”

E proprio sul concetto di trasparenza ieri si è assistito ad un piccato battibecco, che ha evidenziato come l’attuale Amministrazione non abbia ritenuto necessario pensare ad un Bilancio partecipato con la società civile o non abbia nemmeno informato la Città sulle scelte che stava per compiere.

Come la bocciatura per il rimpinguamento del capitolo di spesa riguardante il rifacimento delle strade rurale proposto la settimana scorsa dalle opposizioni, così sono state bocciate le proposte per aumentare i capitoli di spesa sul commercio e lo sviluppo rurale.

Assenti i Revisori dei Conti che avevano già dato la disponibilità a presenziare al Consiglio la settimana scorsa, presente il Direttore di ragioneria, il dr Sciannameo, in carica dal 1° marzo con un contratto part time. Tutti questi aspetti sono stati più volte rimarcati da tutti i Consiglieri di opposizione per i quali è necessario che Gioia del Colle si doti di un direttore di ragioneria a tempo pieno e che si individui un assessore con delega specifica al bilancio, perché nella stesura dell’atto vi erano diversi errori.

Si è poi proseguito all’approvazione di alcuni debiti fuori bilancio. Su di uno, malgrado fosse stato già ritirato perché si è aperta una trattativa con l’avvocato di parte, si è rilevato che in ogni caso la copertura finanziaria prevista non era consona.

La maggioranza approva in fretta tutto, ma accusa il colpo, tanto da chiudersi subito dopo in riunione per dei chiarimenti. Le falle nella preparazione del DUP e poi del Bilancio erano notevoli, l’opposizione, malgrado a loro dire, il non equilibrio del Bilancio, ha lavorato duramente per farle emergere e comunque ha permesso l’approvazione entro il 9 maggio, data entro la quale bisognava approvare il Bilancio, pena lo scioglimento del Consiglio comunale.

“Sotto l ‘aspetto formale il bilancio non è in equilibrio – afferma il Consigliere di minoranza Giovanni Mastrangelo – poiché vi sono numerosi errori, anche grossolani, che la maggioranza ha commesso anche questa volta. Allegati sbagliati, importi sbagliati, voci di bilancio sbagliate, che espongono l’ intero comune a rischi gravissimi. Tanta impreparazione, incapacità e arroganza, come sempre. Nel merito avevano chiesto di destinare somme anche per le strade di campagna e zona artigianale. Proposta bocciata. Avevamo chiesto di dimezzare le tariffe per lo sport, bocciata. Avevamo chiesto di prevedere somme per il commercio e lo sviluppo locale, che sono pari a zero, proposta bocciata. Un bilancio di previsione senza capo né coda, lontano da tutte le esigenze e i bisogni della Città. Sia nella  forma che nel merito – conclude-  il documento  di programmazione più importante di un amministrazione fa emergere la loro incoscienza ed impreparazione. Erano stati pure diffidati dal Prefetto. Non ho mai assistito ad uno spettacolo così indecoroso”.