Il vino “Gioia del Colle Primitivo Doc” di Tenute Chiaromonte scelto dalla Casa Bianca

Una super commessa di 720 casse da 60 bottiglie ciascuna di vino Primitivo di Gioia del Colle ordinata dalla Casa Bianca di Washington per le festività natalizie ha acceso i riflettori su una cantina di Acquaviva delle Fonti: Tenute Chiaromonte. Già pluripremiata con l’etichetta di punta “Gioia del Colle Primitivo Doc – Muro Sant’Angelo Contrada Barbatto”, l’azienda vinicola di Nicola Chiaromonte e Paolo Montanaro è esportatrice negli Stati Uniti di diverse etichette di vino Primitivo già da più di un decennio per cui ha avuto modo di avvantaggiarsi anche dell’attenzione che in questi ultimi anni ha richiamato il vitigno d’origine gioiese.

“ Abbiamo saputo dell’interesse verso il nostro prodotto da parte della Casa Bianca dopo che il nostro importatore statunitense ha organizzato una degustazione di vino pugliese a Los Angeles – ci ha dichiarato al telefono Nicola Chiaromonte – dopodiché ci è pervenuto un ordine straordinario per completare la dotazione al civico 1660 di Pennsylvania Avenue di Washington dove ha sede l’abitazione presidenziale di Donald Trump. La maggior parte della fornitura è stata composta dal nostro “Primitivo IGT Puglia – Mascherone 2016” di ottima beva e gradazione di 13,5 gradi; a questo si è aggiunto un quantitativo minore di Muro Sant’Angelo, monovitigno da alberelli di circa 80 anni!”
Nicola Chiaromonte non sa precisamente se il suo vino è stato servito alla tavola della famiglia Trump, ma è sicuro che nel quartier generale degli Stati Uniti qualche diplomatico ha ripetuto il rito del brindisi natalizio  con il Gioia del Colle Primitivo Doc dell’azienda agricola Tenute Chiaromonte.