Varata la nuova Giunta. I nomi degli Assessori

Il Sindaco Giovanni Mastrangelo ha nominato la Giunta che lo accompagnerà durante la sua amministrazione.

Ad un mese dalla sua proclamazione, Mastrangelo ha voluto attendere la proclamazione ufficiale dei consiglieri comunali per sciogliere tutte le riserve del caso con le liste che lo hanno sostenuto durante la campagna elettorale delle amministrative per poi scegliere gli Assessori della sua Giunta.

Questi gli Assessori.

Giuseppe Gallo, commercialista, eletto in Forza Italia, avrà la delega al Bilancio e Tributi e sarà il suo Vice. A lui sarà assegnata anche la delega alle politiche sportive.

Lucio Romano, avvocato, coordinatore di Rinnova avrà la delega alla cultura e pubblica istruzione.

Filippo Capurso, imprenditore agricolo, espressione della Lega per Salvini, si occuperà di ambiente, commercio, artigianato e risorse agricole.

Rimaneva da sciogliere il nodo dell’urbanistica e delle politiche sociali che il Sindaco ha voluto assegnare a due donne.

Ad occuparsi di urbanistica sarà Maria Paola Valentini, ingegnere. Ad indicarla sono stati gli ordini professionali (ingegneri, architetti, geometri, agronomi e periti agrari) di Gioia del Colle che in un documento nelle scorse ore, su richiesta dello stesso Sindaco, hanno presentato una terna di nomi da cui il Sindaco Mastrangelo ha potuto scegliere: gli altri nomi erano Ilaria Caputo, ingegnere, e Daniela de Mattia, architetto, ex assessore nella Giunta Lucilla.

Le politiche sociali, pari opportunità, diritto dei bambini, volontariato, saranno gestiti invece da Giovanna Pontiggia, di Sammichele, psicologa e docente che si è occupata da sempre di questo settore e che vanta una serie di pubblicazioni e segretaria dell’Ordine degli Psicologi di Bari.

Al Sindaco rimarrà la delega dei Lavori Pubblici e gli affari generali. È assai probabile che dopo l’insediamento ufficiale del Consiglio comunale possa chiedere che alcuni consiglieri lo aiutino in alcune deleghe, in primis le Attività produttive.

Giuseppe Gallo dovrà quindi dimettersi da Consigliere comunale e lasciare il posto a Marica Farina, prima dei non eletti di Forza Italia.