Solfrizzi e Savino, Rossini esaurito

solfrizzi savino

Più che esaurito il Teatro Rossini la sera dell’8 marzo per la commedia “Due di noi” con Emilio Solfrizzi e Lunetta Savino.  Il pubblico attende la battuta di Emilio e accompagna sogghignando la preparazione recitata dalla Savino. D’altronde a lei basta tenera la parte della mogliettina e a lui basta muoversi o improvvisare una smorfia che il risultato è assicurato.
Direi che nei tre atti scritti da Michael Frayn e inscenati da Antonio Panzuto, grazie ai due attori si ottiene  il massimo risultato con minimo sforzo . Solo nel secondo emerge una Lunetta Savino che interpreta e ironizza sul ruolo secondario della donna in un rapporto in cui la comunicazione è praticamente assente.
Il regista Leo Muscato punta sui paradossi della vita coniugale e riesce a dipingerne un quadro esortativo, pungente, e a tratti stimolante con l’ironia che trabocca dalle maschere di Solfrizzi.

C’era molta gente in teatro l’altra sera. I Teatri, abitati da ResExtensa offrono un cartellone 2014 di ampio panorama artistico al nostro Rossini; con l’ incoraggiante consapevolezza che anche un solo spettatore sottratto alla morfina televisiva è testimonianza di buone prassi culturali.

Stasera si riparte con il Teatro Instabile di Aosta  e la rielaborazione  a-narrativa  della Medea  danzata e suonata dal vivo.

Buona continuazione.

About Massimo L'Abbate 1139 Articoli
Direttore Responsabile

Commenta per primo

Lascia un commento