Si lavora a tempo di record per ripristinare la guaina del PalaCapurso

E’ di circa 8mila euro la somma stanziata dall’Amministrazione di Gioia del Colle per ripristinare la guaina di copertura del PalaCapurso.



Già in questi giorni, complice il bel tempo, si dovrebbe intervenire per poter consentire alle società sportive, già dalla prossima settimana, di riprendere normalmente le attività di allenamento. La pioggia ed il vento molto forte della scorsa settimana, hanno infatti danneggiato irrimediabilmente la guaina con il risultato che all’interno del palazzetto ha piovuto più di quanto già non facesse.

La tempesta di vento e pioggia di martedì scorso hanno creato delle vere e proprie pozze d’acqua anche sul parquet ed è stato necessario prendere di petto la situazione e risolverla in tempi rapidi, per evitare che la situazione peggiorasse ma soprattutto che la pavimentazione fosse compromessa. Nei giorni successivi si è così deciso di coprire la stessa con un telo in plastica, per evitare che eventuali altre piogge potessero danneggiarlo. Contestualmente si sono stanziati i fondi e si è effettuata una ricognizione, attraverso un drone, per comprendere in che stato fosse la copertura del PalaCapurso.

Si è così rilevato che la guaina era ormai saltata in diversi punti e che sarebbe stato necessario ripristinarla e saldarla. “Questo intervento dovrebbe costituire una soluzione definitiva al problema – ha spiegato l’assessore allo Sport, Giuseppe Gallo– abbiamo anche chiesto alla ditta che interverrà di poterlo fare anche sulla colonna portante dalla quale ci sono altre importanti infiltrazioni che rendono anche inagibili le gradinate. Nel frattempo siamo riusciti a risolvere il problema della caldaia che abbiamo rimesso in funzione, potendo garantire a chi utilizza la struttura di avere acqua calda. Noi ce la stiamo mettendo tutta. Intervenire e risistemare il PalaCapurso, senza però trascurare le problematiche che interessano anche gli altri impianti sportivi, è senza dubbio una delle priorità del mio assessorato”.