Rigenerazione Urbana: la Regione aumenta i fondi e Gioia rientra nel finanziamento

L’Assessore regionale al territorio della Regione Puglia, Alfonsino Pisicchio, ha mantenuto la sua promessa e ha aumentato le risorse per finanziare più progetto della graduatoria dello scorso 25 marzo dei progetti ammessi a finanziamento per la Rigenerazione Urbana (leggi QUI ).

Gioia del Colle, insieme a Santeramo in Colle, si era piazzata al 40° posto per punteggio raggiunto, non riuscendo a rientrare tra i primi Comuni ammessi al finanziamento richiesto che per Gioia/Santeramo si aggira sui 4,5 milioni di euro.

In quella stessa occasione Pisicchio aveva promesso di reperire altri fondi per soddisfare quanti più comuni possibili. Con il rimpinguamento del fondo di altri 60milioni di euro, Gioia quindi rientra a pieno titolo tra i Comuni finanziati nell’ambito della Rigenerazione Urbana.

“Abbiamo mantenuto un impegno preciso: aumentare le risorse disponibili per allargare il numero dei soggetti beneficiari e per dar sostegno a tanti progetti innovativi e virtuosi. Tutti accomunati dalla voglia di cambiamento dei contesti sociali e urbani. – ha detto Pisicchio – Con questa variazione – spiega – dall’iniziale dotazione di 115 milioni di euro siamo passati a complessivi 175, grazie ad altri 60 milioni a valere sull’azione del Patto per il Sud “Rigenerazione Urbana sostenibile”. Una vera boccata di ossigeno che ci permetterà di scorrere la graduatoria, ancora provvisoria, scaturita dall’esame delle 83 proposte progettuali pervenute e per un valore complessivo di 300 milioni di euro”.

“E la dotazione iniziale di 115 milioni – aggiunge – non consentiva la copertura di tutte le proposte ritenute ammissibili”. “Sono davvero molto soddisfatto – sottolinea Pisicchio – perché grazie al lavoro di squadra con il collega assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese, e alle tante richieste pervenute dai sindaci e dagli amministratori locali di ogni parte della Puglia, stiamo dimostrando con atti concreti che la rigenerazione urbana è un tema molto sentito dalle comunità. Rigenerare un territorio non è un mero atto urbanistico e tecnico ma significa migliorare la qualità della vita, le relazioni sociali, il contesto abitativo e creare le migliori opportunità per lo sviluppo e la crescita dei singoli territori”.