Ragazzi gioiesi come Greta Thunberg per lo “Sciopero mondiale per il futuro”

Orientamento formativo e riorientamento

Orientamento formativo e riorientamento

I ragazzi della scuola media Carano di Gioia del Colle questa mattina sono scesi in piazza per la giornata mondiale del clima, in cui si invitavano i giovani del Pianeta a scioperare da scuola per manifestare a favore di un cambio di rotta della politica e delle istituzioni.

Si scioperava dunque, ma per fare altro, cioè protestare come la giovane svedese Greta Thunberg, che a soli 16 anni, ogni venerdì non va a scuola, ma per recarsi davanti al parlamento di Stoccolma e sensibilizzare i governati ad adottare strategie per salvare il Pianeta dal cambiamento climatico che lo sta devastando.

Anche i ragazzi delle scuole superiori gioiesi oggi non sono andati a scuola, ma per recarsi alla manifestazione che si è tenuta a Bari insieme ai loro coetanei provenienti da tutta la provincia.

E i ragazzi delle classi della media dell’istituto comprensivo Carano Mazzini insieme ai loro insegnanti, dopo aver approfondito i risvolti del dramma in cui va incontro la Terra, oggi hanno rinunciato ad un’ora di lezione e hanno sfilato per le vie di Gioia con i cartelli in mano chiedendo un futuro certo fino ad arrivare a Piazza Plebiscito e poi tornare tra i banchi.

Tra le forze politiche in piazza Plebiscito c’erano il candidato sindaco di centro sinistra per le amministrative di primavera Donato Paradiso, che aveva sponsorizzato l’iniziativa chiedendo ai ragazzi gioiesi di aderire allo “Sciopero mondiale per il futuro”, insieme ai rappresentanti delle liste che lo sostengono e alcuni esponenti di Gap, il gruppo giovani del movimento Pro.di.Gio.