Da Prodigio arriva il regolamento per la cittadinanza onoraria

municipio web 4nov12

Dopo l’ultimo Consiglio comunale, nel quale ad una seconda richiesta di concedere la cittadinanza onoraria alla senatrice a vita Liliana Segre, il Sindaco Mastrangelo ha risposto che aspettava un regolamento ad hoc dall’opposizione, il movimento Prodigio passa ai fatti.


Seppure nella stessa  seduta di Consiglio, il Consigliere comunale Donato Paradiso ha risposto al Sindaco che il regolamento era una volontà della maggioranza e che la sua mancanza giustificava il momentaneo rigetto della proposta di cittadinanza a Segre, pertanto erano atri a produrre una bozza di regolamento.

Ecco che quindi il Consigliere comunale Donato Colacicco di Prodigio, ha ritenuto indispensabile farsi promotore della proposta di Regolamento per il conferimento della Cittadinanza Onoraria e Benemerita allo scopo di porre rimedio ad una carenza a tutt’oggi non colmata e di fatto tagliando la testa ad ogni possibile altro alibi.

“Il regolamento, – sottolinea il Movimento  – frutto di un complesso ed articolato lavoro effettuato durante la scorsa amministrazione e perfezionato attraverso una recente revisione all’interno del movimento stesso, si caratterizza per una chiara definizione della procedura da espletare per il conferimento sia della Cittadinanza Onoraria sia di quella Benemerita.

Sempre all’interno dello stesso regolamento vi è la proposta della Cittadinanza Straordinaria per i minori stranieri. Tale strumento ha un puro valore simbolico, non supera la legge italiana sulla cittadinanza per gli stranieri, ma vuole essere un segno tangibile e distintivo della nostra comunità in termini di inclusione e accoglienza”.

La bozza che ora potrebbe essere messa al vaglio della commissione consiliare di riferimento ha voluto porre sullo stesso piano la cittadinanza onoraria e benemerita ed il riconoscimento della cittadinanza straordinaria ai minori stranieri nati e residenti a Gioia del Colle. Un enorme segno di accoglienza seppur simbolico rivolto agli stranieri più piccoli.