Pro.di.gio. chiede all’Assessore Lucio Romano un incontro pubblico sul Teatro Rossini

teatro rossini angolare

Qual è il futuro del Teatro comunale Rossini di Gioia del Colle? Quali sono i progetti che l’Assessore alla cultura, Lucio Romano, ha in mente per il contenitore culturale più importante di Gioia? Queste domande, insieme ad altre, sono state rivolte dal Consigliere comunale, Donato Colacicco, e dal Presidente del Movimento Prodigio, Alessandro Bencresciuto, all’Assessore alla Cultura di Gioia del Colle, in una lettera inviata questa mattina, in vista di una nuova stagione teatrale.

Chiedono di conoscere “quali siano le condizioni di agibilità del Teatro, – scrivono nella missiva – ovvero se lo stesso possa essere correttamente ed in tutta sicurezza usufruito, e se siano stati acquisiti da parte del Comune tutti i permessi obbligatori per Legge, tra cui quello rilasciato dai Vigili del Fuoco; quale sia l’indirizzo politico di codesta Amministrazione, relativamente alla Convenzione in essere con il Teatro Pubblico Pugliese; quale sia l’indirizzo politico di codesta Amministrazione, relativamente all’esternalizzazione della gestione dei servizi tecnici, essendo ormai giunta a naturale scadenza la proroga concessa dal Commissario Straordinario all’Associazione “Ombre”, già vincitrice del bando all’uopo espletato; a quanto ammonti il budget previsto per la realizzazione della prossima stagione teatrale e quale sia, ad oggi, lo stato dell’arte dell’istituzione della Consulta della cultura, precipuo obiettivo individuato all’interno del programma di mandato di codesta Amministrazione”.

Data la rilevanza della questione, i rappresentanti di Prodigio però, chiedono a Romano un incontro pubblico in cui relazionare sul Teatro per rendere partecipi cittadini, associazioni culturali e stakehoders, interessati alla programmazione culturale del Rossini.