Primo incontro del centrosinistra gioiese: La Bottega dice la sua

Orientamento formativo e riorientamento

Orientamento formativo e riorientamento

Dopo le prime reazioni all’incontro di tutte le forze del centrosinistra di Gioia del Colle che si è tenuto giovedì scorso, in cui il Partito Democratico, aSinistra, la Città e PrimaGioia, hanno dichiarato che avrebbero riportato nei rispettivi partiti i risultati per trarre le dovute conseguenze, La Bottega esce con un documento ufficiale con cui sottolinea la sua posizione ufficiale.

“Si è trattato di un incontro franco, a tratti anche acceso, ma si era concluso con un accordo condiviso di individuare nei singoli gruppi due delegati che potessero sedere ad un tavolo per discutere di quei punti che, invero, la Bottega aveva già messo in campo in occasione di detta riunione, e che poi non si è avuto modo di approfondire.

A giudicare, però dalle dichiarazioni dei gruppi intervenuti (in particolare PD, aSinistra, Prima Gioia, La città) rilasciate alla stampa, sembra che il percorso si possa interrompere ancor prima di iniziare. Ed evidentemente, a posteriori, sorge il dubbio che i toni accesi e a tratti anche aggressivi di alcuni degli intervenuti, fossero calcolati e finalizzati a rilasciare cotante dichiarazioni.

La Bottega, unica voce fuori dal coro, rivendica ancora la possibilità di trovare una sintesi politica che possa dare a Gioia del Colle l’opportunità di creare un’alternativa alla destra.

In particolare, ci si auspica che si possa arrivare ad una sintesi politica che valuti i criteri di individuazione di un profilo, prima, e di scelta di un candidato solo dopo, tenendo conto della storia degli attori della politica locale, affinché il candidato prescelto possa essere il garante dei punti programmatici che si individueranno in funzione degli esiti degli incontri preliminari di ogni singolo gruppo”.