Il Preside Fazio seguirà anche l’istituto comprensivo di Sammichele

Il 12 settembre il Preside Rocco Fazio, che a Gioia del Colle dirige i Licei Canudo e Marone e l’Iti Galilei, suonerà la prima campanile anche all’istituto comprensivo di Sammichele di Bari.

L’incarico è stato comunicato nelle scorse ore dalla direzione scolastica regionale e poiché l’istituto di Sammichele di Bari conta meno di 600 unità e non potendo attingere alla graduatoria dei dirigenti scolastici neo immessi dall’ultimo concorso, per il Preside Fazio si tratterà di una reggenza.

L’Istituto conta circa 480 studenti divisi tra scuola dell’infanzia, primaria e secondaria di prima grado.

Intanto i problemi da affrontare nei plessi di Gioia del Colle riguardano essenzialmente il personale, in particolare la sostituzione dei pensionamenti, soprattutto quelli di quota 100. Carenze anche per il personale ausiliare, decisamente sottodimensionamento rispetto alle esigenze dei plessi e del numero degli studenti. Particolare attenzione si sta prestando, tuttavia, per le prime classi, che l’11 settembre, primo giorno di scuola, dovranno essere nel pieno delle loro funzioni.

Nell’attesa invece dell’approvazione delle linee guida sull’introduzione dell’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole, gli istituti superiori di Gioia si sono portate avanti già da qualche mese e hanno previsto, a prescindere dalla legge, l’inserimento di un’ora per questa materia curriculare grazie alla presenza del potenziamento di insegnanti di diritto. Visto che che la materia è ormai oggetto di esame di maturità, si è pensato di inserirla almeno nell’ultimo triennio, tuttavia ora resta da capire che cosa si prevederà a livello nazionale e inserirla anche nel biennio.

Insomma, tanti compiti per il Preside Fazio che quest’anno si cimenterà con una realtà nuova e mentre inizia a prendere contatti e ad organizzare il lavoro anche nell’Istituto comprensivo di Sammichele ammette: “Sarà una bella esperienza, perché non ho mai affrontato le problematiche riguardanti le scuole frequentate da bambini così piccoli. Sarà una nuova sfida che ho accettato molto volentieri”.