Presi due pusher, uno già condannato ad 1 anno e 4 mesi, l’altro denunciato in stato di libertà

Nell’ambito di una serie di controlli per contrastare lo spaccio di stupefacenti, i Carabinieri della Compagnia di Gioia del Colle hanno arrestato la sera scorsa per detenzione ai fini di spaccio un 35enne gioiese, già noto alle forze dell’ordine.

L’uomo fermato per un normale controllo alla circolazione stradale, si è mostrato subito agitato, tanto da insospettire i militari operanti che hanno deciso di approfondire il controllo con una perquisizione personale e veicolare. Nella tasca dei jeans e nel vano portaoggetti dell’auto sono stati trovati circa 2.700 euro, in banconote di piccolo e medio taglio e block-notes con diversi nomi annotati con a fianco relative cifre in euro. Ritenendo il materiale rinvenuto e sequestrato provento di attività di spaccio, i militari hanno esteso la perquisizione presso un locale in uso al gioiese, rinvenendo ben occultati nel vano aeratore gr. 7 di cocaina, suddivisa in n.17 dosi, nonché materiale per il taglio e il confezionamento dello stupefacente.

Tratto in arresto, il pusher è stato condotto innanzi al competente Giudice patteggiando la pena di anni 1 e mesi 4 di reclusione per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, senza condizionale, e sottoposto agli arresti domiciliari.

È stato inoltre sorpreso in flagranza di reato un altro ragazzo, poco più che ventenne con precedenti specifici, originario di Sammichele di Bari, mentre cedeva una dose di “marijuana” ad un suo coetaneo. Sottoposto a perquisizione, è stato trovato in possesso di 2 grammi di “marijuana”, già suddivisa in dosi,  della somma contante di euro 365,00, ritenuta provento dello spaccio, di un grinder e del materiale necessario per il taglio e il confezionamento, debitamente sequestrato.

Lo spacciatore è stato denunciato in stato di libertà mentre l’acquirente è stato segnalato alla Prefettura di Bari quale assuntore.