Parte la differenziata ed emergono i primi disservizi. Arrivano anche le prime multe

Ad una settimana dell’inizio della raccolta differenziata dei rifiuti porta a porta cominciano ad emergere le prime deficienze organizzative del servizio.

Fermo restando l’inciviltà di molti che pur di non conferire in maniera corretta hanno preferito abbandonare i propri rifiuti nelle periferie, nelle zone divise dal calendario emergono tuttavia emergenze organizzative.

Ieri in gran parte della Zona1 non è passato il ritiro programmato della carta. Nella stessa zona era previsto anche la raccolta dell’organico che nelle zone più periferiche è stato preso oltre mezzogiorno. In serata tramite un post sui social, il Comune di Gioia ha avvisato della possibilità di conferire la carta questa mattina e che il disservizio era dovuto al fatto che alcuni operatori della Navita sono stati impegnati nella pulizia di alcune caditoie, intasati dalla pioggia. Malgrado sia un servizio di loro pertinenza, in autunno è assai facile incorrere in piogge torrenziali e in ogni caso non tutti i cittadini sono sui social, meno che mai le persone anziani.

Nelle campagne soltanto in questi giorni stanno distribuendo i Kit dei mastelli, per cui i cittadini di Gioia del Colle che vi abitano possono ancora conferire nei pochi bidoni ancora rimasti agli ingressi del paese. Anche diversi cittadini del centro abitato non hanno ancora il Kit, tanto che gli infopoint continueranno la distribuzione, rimanendo aperti ancora per qualche giorno.

Il Centro comunale di raccolta è inoltre in estrema periferia, per cui il cittadino sprovvisto di un mezzo proprio deve chiedere aiuto per conferire i rifiuti che non vanno nell’organico o indifferenziato, carta, vetro o plastica.

Al netto della collaborazione di gran parte dei gioiesi, il Bacino Aro5, del quale fa parte il Comune di Gioia possiede un Direttore per l’Esecuzione del Contratto, il quale, “resta l’unico responsabile della gestione dei servizi. – si legge nei chiarimenti delle sue mansione – È del tutto evidente che le diverse segnalazioni su eventuali malfunzionamento del servizio, lagnanze, e quant’altro denunciati dai cittadini saranno indirizzate al proprio Comune. Sarà compito dei diversi responsabili comunali degli uffici ambiente, che riceveranno le sopra indicate segnalazioni, trasmettere il tutto al DEC. Quest’ultimo dovrà interfacciarsi con la ditta appaltatrice, al fine di eliminare definitivamente i disservizi segnalati, e successivamente dare riscontro all’utente o direttamente o per il tramite degli uffici comunali”.

Visto che il numero verde, probabilmente per la quantità eccessiva di richieste di chiarimenti da parte degli utenti, è difficilmente contattabile, resta il fatto che il Comune può iniziare a evidenziare i vari disservizi sopratutto per migliorare la prestazione che, ad oggi, risulta insufficiente. Molti aggiustamenti vanno fatti per forza in corso d’opera, per cui una pronta collaborazione da parte di tutti è auspicabile.

Intanto la Polizia Municipale e la Protezione Civile di Gioia stanno procedendo a controlli serrati per stanare i trasgressori che gettano immondizia nelle periferie, elevando diverse sanzioni, alcune comminate in piena flagranza del reato.

 

foto facebook della pagina del Comune di Gioia del Colle