Parrucchieri ed estetisti di Gioia pronti a riaprire “Insieme in sicurezza”

Dal 18 maggio, i parrucchieri e gli estetisti di Gioia del Colle sono pronti alla ripartenza. Dopo oltre due mesi dal blocco delle loro attività a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19, da lunedì avranno le saracinesche alzate pronti ad accogliere i propri clienti.


E lo faranno in massima sicurezza “per salvaguardare noi e le nostre famiglie e i nostri clienti”, ha sottolineato Barbara Baldari a nome delle categorie, presentando il logo “Insieme in Sicurezza” della Confartigianato Gioia, rappresentato da Federico Antonicelli, che sarà apposto sulle vetrine.

Un modo per dire al cliente che il posto nel quale sta per entrare rispetta quanto previsto dai protocolli di contenimento del virus.

Di entusiasmo ce n’è e lo hanno dimostrato tutti insieme nella sede di Confartigianato l’altra sera per una riunione tecnica. Proprio questo periodo è stato importante per fare gruppo, contando l’uno sull’altro per trovare i presidi richiesti al prezzo più vantaggioso, scambiandosi numeri e contatti di fornitori, ha detto Milena Capurso a nome della categoria degli acconciatori, sottolineando anche come i saloni di parrucchieri ed estetisti rispettassero già norme igieniche molto stringenti.

Le nuove cautele sono state elencate dalla rappresentate di Confartigianato Carmen Speranza. Ma del resto, oltre all’uso dei presidi come guanti e mascherine, dove occorreranno, si tratterà di rispettare di standard igienici e sanitari che erano in uso, ecco perchè le categorie non sono spaventate dalla ripartenza.

Certo, il salone perderà quel momento di aggregazione tra amiche, perché tutte i clienti dovranno avere un appuntamento preventivo per entrare per evitare momenti di aggregazione e magri non potranno sfogliare la loro rivista preferita, ma sarà comunque un momento per riappropriarsi di quelle “coccole” personali che si avevano prima della pandemia.

Per ora non è previsto nessun giorno settimanale di riposo, che fino a qualche mese fa veniva dedicato alla formazione, se non la domenica. Quindi dal lunedì al sabato, con maggiori occasioni per spalmare gli appuntamenti.

La crisi dovuta al lockdown sembra comunque non aver scoraggiato i parrucchieri ed estetisti gioiesi, tanto che a non aprire lunedì saranno davvero in pochissimi e saranno probabilmente coloro che avevano già maturato la possibilità di andare in pensione. Gli altri invece hanno resistito e promettono che se eventuali rincari verranno applicati saranno minimi e serviranno a coprire le eventuali spese sostenute per garantire i presidi per tutti, quindi nessuna speculazione, perché significherebbe tradire i clienti di una vita.

Tutto in regola e in sicurezza quindi, sempre rispettando le distanze di prevenzione e i presidi quando richiesti e tutelando i propri clienti.

Adesso occorre solo prenotare e fissare un appuntamento col proprio parrucchiere, barbiere ed estetista e rimettersi in sesto dopo questo lungo periodo di quarantena e rimediare al più presto ai danni provocati dal fai-da-te.