Mezzi confiscati assegnati al 36° Stormo per operazioni di soccorso e protezione civile

Quando da una delle maggiori operazioni di tutela all’ambiente condotte negli ultimi anni in Puglia può nascere qualcosa di buono.

È così che i mezzi sequestrati a seguito dell’operazione Black Land, le cui indagini, risalenti al 2014, ebbero nel mirino un’organizzazione dedita ad attività di traffico illecito di rifiuti tra la Provincia di Foggia  e la Campania, portando a numerosi arresti ed al sequestro delle aziende e dei mezzi in uso alle persone coinvolte.

Parte di questi mezzi, due escavatori ed una moderna trattrice agricola, sono stati assegnati dalla Procura di Bari all’Aeronautica Militare in particolare all’aeroporto militare “Ramirez” di Gioia del Colle, dove è schierato il 36° Stormo Caccia.

“Le macchine – si legge in un comunicato della Procura di Bari – sono ora pronte ad essere impiegate da personale specializzato, nelle operazioni di soccorso e protezione civile, cui storicamente la base aerea partecipa, a seguito delle richieste di intervento avanzate dai Comuni limitrofi, nei periodi invernali (emergenza neve); oltre che in quelli estivi per la prevenzione degli incendi boschivi. I mezzi acquisiti al patrimonio dello Stato, del valore complessivo di circa 200.000 euro, troveranno così una virtuosa ed effettiva collocazione per finalità d’interesse pubblico a tutela dell’incolumità delle persone e salvaguardia del territorio”.