Mastrangelo: ecco tutte le misure per il rilancio del commercio

Martedì riprende il mercato con una nuova sistemazione per gli ambulanti, in ottemperanza alle prescrizioni per combattere la diffusione del virus. A tal proposito il sindaco Johnny Mastrangelo ha fatto sapere di aver “aumentato le distanze tra le bancarelle e in particolar modo quelle della fila centrale saranno diluite su via Einaudi”. Non ci sarà un vero e proprio contingentamento degli accessi, ma ci saranno controlli e qualora dovessero verificarsi assembramenti, si procederà a far defluire le persone.



Importanti novità sono previste per i titolari di attività commerciali di Gioia del Colle. L’ultimo Decreto del Presidente del Consiglio ha previsto, per esempio, l’abolizione della TOSAP. “Prima della disposizione del DPCM – sono sempre le parole del Sindaco- avevamo ridotto la TOSAP al massimo consentito per un Comune e questo ancor prima dell’emergenza, andare oltre non ci era consentito. Adesso dal Governo è arrivata la decisione di azzerarla”.

E’ previsto anche l’azzeramento anche della TARI per i mesi di inattività dei commercianti. “Per la Tari l’idea è di non far pagare il periodo di chiusura, ma quello è un costo vivo per il Comune e per questo il Governo si è impegnato a trovare una misura compensativa perché quel costo non venga poi spalmato sugli altri cittadini” ha spiegato Mastrangelo che ha poi spiegato anche le decisioni che si assumeranno rispetto alla TARI anche per i privati e cioè la possibilità di versare il quantum dovuto in quattro anziché tre rate e ridurre la prima dal 60 al 50%.

Tornando alle attività commerciali e in particolar modo a bar, pizzerie e ristoranti la volontà è quella di raddoppiare la superficie utilizzabile con i dehors, previo parere dell’Ufficio Tecnico, parere che deve essere reso in giorni altrimenti la richiesta si considererà accettata d’ufficio.

L’intenzione dell’amministrazione per l’estate ormai alle porte è quella di chiudere tutte le strade necessarie alle attività commerciali di somministrazione di alimenti e bevande, per poter lavorare. “Per chi era già in possesso di autorizzazioni ASL – ha poi spiegato Mastrangelo- non si dovrà fare nulla, per i nuovi, come ANCI, abbiamo chiesto di poter in qualche modo snellire le procedure in particolar modo per quelle che interessano la Sovrintendenza, fermo restando la necessità di rispettare le normative igienico sanitarie”.

E’ allo studio degli uffici anche la possibilità di prevedere importanti interventi economici per le attività commerciali. “Qualcuno ha detto che il comune di Noicattaro ha stanziato 400mila euro per questo settore – ha spiegato il Sindaco- ma ha omesso di spiegare che ciò è stato possibile perché hanno potuto utilizzare quelle somme relative ai mutui in essere con la Cassa Depositi e Prestiti per i quali i ratei sono congelati. In pratica potranno utilizzare le somme previste per i mutui, per altro. In questo meccanismo, chi è maggiormente indebitato, ha maggiore libertà di azione. La nostra situazione è diversa, ma attraverso la redazione del rendiconto verificheremo la disponibilità di un avanzo di amministrazione da destinare ad interventi a fondo perduro per quei commercianti che hanno subito gravi perdite e che hanno dovuto finanziare con somme proprie gli adeguamenti necessari per continuare a lavorare ottemperando alle disposizioni vigenti”.