La base militare di Gioia pronta per una missione di difesa in Libia

La base aeronautica militare di Gioia del Colle farà la sua parte nella difesa della Libia che in questi anni sta svolgendo un ruolo cruciale nella lotta contro l’Isis.

A dirlo è la Ministra della Difesa Roberta Pinotti che oggi presenta alla Camere il piano di intervento italiano che prevede lo schieramento di 100 medici e infermieri militari, i quali saranno protetti da 200 paracadutisti del 186esimo reggimento della Folgore.

Oltre alla Folgore, i nostri medici saranno protetti anche via aerea dalla portaerei Garibaldi e dai caccia dell’Aeronautica di stanza nelle basi di Trapani, Gioia del Colle e Sigonella. A loro si aggiungeranno droni militari.

“Curare i militari libici che combattono l’Isis a Sirte – afferma Pinotti sul quotidiano “La Repubblica” di questa mattina –  è un obbligo morale, come è nostro dovere rispondere alla richiesta di aiuto del governo libico. I militari del Governo di accordo nazionale stanno combattendo il terrorismo anche per noi, non possiamo girarci dall’altra parte. Li abbiamo curati in Italia, abbiamo inviato medicinali, li sosterremo anche in Libia”.