Itis, Scientifico e Classico in un unico istituto

Questa è la proposta che emerge da una richiesta dell’Amministrazione comunale. Si tratterebbe di unire di fatto il Liceo Classico Publio Virgilio Marone, il Liceo Scientifico Ricciotto Canudo, che insieme sono già Istituto Comprensivo, ma a cui si aggiungerebbe anche l’Istituto Tecnico Galileo Galilei. Un unico Preside per tutti gli istituti superiori di Gioia del Colle.

A dettare regole per le nuove linee di indirizzo di dimensionamento della rete scolastica e di programmazione dell’offerta formativa 2017-2018, ci ha pensato una delibera della Regione Puglia di inizi novembre con cui si intende arrivare ad un assetto della rete scolastica che tenga conto della collocazione geografica; delle strutture fisiche e delle dotazioni infrastrutturali, funzionali alla graduale costruzione di un’offerta formativa di qualità; migliorare l’offerta formativa secondo obiettivi di integrazione, di riequilibrio territoriale e di uguaglianza nell’accesso alle diverse opportunità formative, per il conseguimento di un più elevato successo scolastico e formativo, che sia frutto di forte interazione con il contesto socioeconomico e tenga conto delle peculiari vocazioni e potenzialità del territorio e della domanda espressa dal mondo del lavoro.

A tutto questo va aggiunta anche una direttiva che vede Gioia del Colle e Noci, sede della presidenza dell’istituto comprensivo dell’Itis, in due distinti distretti scolastici, non permettendo un reale sviluppo di indirizzi per l’Industriale gioiese.

Preso atto quindi che il Consiglio di istituto del Canudo ha ritenuto di poter accogliere l’Itis, l’Amministrazione comunale ha fatto sua la richiesta di accorpamento da inoltrare presso la Città Metropolitana e poi presso l’ufficio scolastico regionale, al fine di garantire una giusta pianificazione dell’offerta formativa per tutti i territori.