Il movimento politico La Bottega chiede progetti per chi ha il reddito di cittadinanza

I Consiglieri comunali de “la Bottega” Donato Paradiso, Milena Pavone e Rosario Milano chiedono al Sindaco e all’Assessore ai Servizi Sociali di Gioia del Colle come si intende avviare un percorso di inclusione sociale e lavorativo e non solo economico per coloro che percepiscono il reddito di Cittadinanza.

Il Comune di Bari qualche settimana fa ha pubblicato un Avviso Pubblico per la presentazione di manifestazioni di interesse per la realizzazione di Progetti Utili alla Collettività nell’ambito del  Reddito di Cittadinanza.

Infatti proprio pensando al loro reintegro lavorativo, “sia gli enti pubblici che le realtà associative del terzo settore,  – scrivono in una interpellanza con richiesta di risposta scritta – nei limiti delle proprie competenze, possono aiutare i percettori del reddito di cittadinanza, attraverso progetti di pubblica utilità, a inserirsi in un circuito sociale e lavorativo in grado di offrire loro nuove conoscenze e nuove possibilità e, nello stesso tempo, diventare protagonisti nell’attuazione di interventi e lavori utili all’intera collettività”.




“Tenuto conto che  – continuano – nella nostra città i beneficiari del reddito di cittadinanza sono 380 e che a tutt’oggi non si ha notizia dei risultati dell’Avviso Pubblico fatto dall’Ambito Territoriale Sociale di Gioia del Colle a seguito di Determina del 6 marzo scorso” i Consiglieri comunali chiedono di conoscere, “se vi sono state  adesioni da parte degli enti interessati e, in caso negativo, di riproporre tale Avviso ,valutando la possibilità di attuare anche a Gioia del Colle quanto proposto dal Comune di Bari e mettendo a disposizione le risorse necessarie a coprire il rimborso dei costi vivi sostenuti dai soggetti proponenti, in relazione a servizi di utilità sociale che potranno migliorare la qualità dell’ambiente urbano e della vita dei cittadini in generale”.