Happening e mostra d’arte dal 26 al chiostro comunale

Domenica 26 novembre alle ore 18,30 il chiostro del Comune di Gioia del Colle vivrà una serata particolare nell’ambito delle manifestazioni contro il crimine e la violenza di genere.  Il soggetto dell’incontro è tutto nel titolo (in foto) che in italiano suona: “Ma da domani, cosa vogliamo fare ”, con l’obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare i convenuti sul tema della violenza contro la donna.

A ricevere il pubblico saranno i ragazzi del TeatroLab 2.0 dell’associazione SIC!  che interpreteranno l’argomento con una coreografia del regista gioiese Maurizio Vacca. A seguire l’assessore alla cultura Annamaria Longo e la giornalista Dalila Bellacicco apriranno il dibattito che avrà come protagonisti i seguenti ospiti:

 Elisabetta Destasio scrittrice e consulente editoriale, sin dal 1995 ha intrapreso un’intensa attività nell’ambito delle produzioni teatrali e musicali collaborando con Carmelo Bene, Luciano Berio, Lina Sastri, Ennio Morricone.  E’ ospite e relatrice di numerosi convegni ed iniziative nazionali dedicate alla lotta contro la violenza alle donne.

–  Emanuela Battisti psicoterapeuta e omeopata, ha competenze anche nel campo della medicina integrata.
Ha partecipato come direttrice didattica e formatrice al progetto della Regione Lazio sul tema della parità di genere dal titolo ”Generalmente diversi”. Con la Destasio, Emanuela intervallerà il convegno gioiese con alcune performance informative e recitate.

Pio Meledandri curatore artistico e fotografo. Ha partecipato a workshop di fotografia con Mario Cresci, René Burri, Maurizio Galimberti, Guido Guidi ecc. e ha fornito materiale fotografico per testi di archeologia, storia antica, architettura e urbanistica. Nel 1996 ha fondato il Laboratorio Multimediale di Architettura e Urbanistica al Politecnico di Bari dove ha fondato e diretto il Museo Universitario della Fotografia.

Giuseppe Scaglione svolge attività giornalistica come critico d’arte ed è curatore di mostre ed altri eventi. Pubblica recensioni anche sul proprio Blog “Correlazioni – Arte & Cultura” che tratta di arti visive, fotografia, poesia e narrativa. Ha appena pubblicato “La figlia”, un romanzo con risvolti noir in cui Scaglione racconta gli aspetti più oscuri ed inconsueti della provincia attuale.

Le installazioni e le foto curate da Giuseppe Scaglione e Pio Meledandri formeranno un percorso espositivo  che permarrà nel chiostro di Palazzo san Domenico fino alla chiusura della mostra d’arte fissata per  giovedì 7 dicembre.