Gioia Running e Adriatika nuoto, il sodalizio riparte con più forza

È ricominciato nella piscina comunale di Gioia del Colle il progetto di collaborazione tra Adriatika nuoto e società podistica Gioia Running.
Partito a luglio in fase sperimentale, il sodalizio tra le due realtà proseguirà per tutta la stagione.
Ogni mercoledì gli atleti della Gioia Running, guidati dal presidente Gianni Gemmati, sono in acqua agli ordini dei tecnici Angelo Pugliese (ideatore del progetto) e Patrizia Nettis (responsabile della scuola nuoto) per una preparazione mirata e finalizzata al miglioramento delle prestazioni da runner.
Per i podisti lavorare in acqua in assenza di gravità è un enorme vantaggio in quanto non si va a pesare sulle articolazioni inferiori già sollecitate dalla corsa. Gli allenamenti prevedono una parte di nuoto e una di aquarunning con l’utilizzo di tappeti in acqua che simulano in vasca la corsa su strada. E il progetto ha già portato i primi risultati in termini di miglioramento delle performance dei podisti in gara.

«Ci auguriamo che questo sodalizio con la Gioia Running, partito con un entusiasmo che si è già raddoppiato, possa contribuire a far crescere le nostre società nel segno di una passione autentica per uno sport sano e pulito», dicono i tecnici Pugliese e Nettis.

Intanto nella piscina gioiese, guidata dal direttore Sergio Della Tommasa, sulla scia del progetto partito con la Gioia Running, sono stati avviati corsi specifici di Aquarunning aperti a tutti, non solo agli atleti.

Questo tipo di attività fisica, infatti, richiede un impegno fisico moderato, allena senza affaticare le articolazioni, tonifica e fa bruciare molte calorie.
La resistenza opposta dall’acqua è di 12 volte superiore a quella dell’aria, quindi anche una camminata a ritmo blando in acqua sul tappeto si trasforma in un allenamento intenso e completo.

I vortici e le onde creati durante l’allenamento di acquarunning esercitano una specie di idromassaggio sulle gambe e la pressione dell’acqua (insieme al movimento) agisce come un linfodrenaggio naturale. Così si eliminano tossine e liquidi in eccesso.

Sul tapis roulant, mentre si corre, è difficile mantenere l’equilibrio: per questo, oltre alla muscolatura delle gambe, si sollecitano anche i muscoli della pancia e della schiena, ottenendo così una tonificazione completa.

«Come ampiamente dimostrato in letteratura, questi corsi sono ideali per chi vuole perdere peso e dimagrire – dice Angelo Pugliese, che tiene le lezioni di aquarunning – e al tempo stesso allenare il cuore, tonificare glutei, gambe e addominali, definire la muscolatura delle braccia che sono molto coinvolte nell’allenamento dell’aquarunning».

Molto diffuso in Francia, Spagna e negli Stati Uniti, l’aquarunning arriva in Puglia per la prima volta con l’Adriatika nuoto. La piscina gioiese è infatti la prima del circondario dove si tengono corsi specifici di questa nuova disciplina che sin da subito ha riscosso interesse a apprezzamenti.