Il geologo Gianluca Valensise dell’INGV al Canudo per parlare di terremoti

Il Geologo dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia, Gianluca Valensise, domani alle 11.30 spiegherà agli studenti dell’ IISS Ricciotto Canudo di Gioia del Colle cosa sono e come si possono prevenire i fenomeni sismici in un territorio fragile come quello italiano.

L’incontro rientra nel ciclo nazionale La Scienza a Scuola di Zanichelli dove personalità del mondo scientifico incontrano insegnanti e studenti delle scuole superiori d’Italia per capire come la scienza cambia il mondo. Un tour didattico realizzato in giro per le scuole d’Italia in cui ricercatori, docenti, divulgatori e personalità del mondo scientifico incontrano i ragazzi per illustrare le ultime novità della scienza.

La terra trema di continuo in un territorio fragile come il nostro. Perché? Si possono prevenire i terremoti? Facciamo abbastanza per prevenirli? A parlarne ci sarà dunque il geologo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia di Roma, Gianluca Valensise.

L’Italia è un paese geologicamente giovane e inquieto, ed è proprio questa inquietudine a determinare l’esistenza dei vulcani e il frequente verificarsi dei terremoti, e allo stesso tempo a spiegare la bellezza e l’estrema fragilità del nostro paese. Fragilità è probabilmente la parola che meglio rappresenta l’Italia, insieme forse alla bellezza: perché quasi sempre ciò che è bello è anche fragile. Ogni generazione, inclusa quella di chi oggi è ancora negli anni della formazione scolastica, ha il dovere di gestire con cura questa fragilità, per consegnare alle generazioni future un territorio sempre bello e vivibile.