“Emozioni in musica” per 30 ragazzi svantaggiati e diversamente abili

“Emozioni in musica” è il nome del progetto che l’associazione Asotudis Onlus, assieme all’associazione MusicaInGioco di Adelfia, avvierà proprio qui a Gioia del Colle. L’idea elaborata con il grande apporto dell’assessore ai Servizi Sociali, Vanna Pontiggia e con la collaborazione dell’assessore alla Cultura, Lucio Romano,  consentirà a 30 ragazzi, selezionati tra i soci Asotudis e tra quelli segnalati dai Servizi Sociali, di poter seguire per un anno un progetto musicale che vedrà impegnato il dott. Andrea Gargiulo, maestro del Conservatorio di Bari.

Questa importante opportunità per i nostri ragazzi è stata resa possibile grazie ad un finanziamento regionale nell’ambito di progetti finalizzati alla sperimentazione e alla promozione di interventi socio educativi e riabilitativi che prevedono appunto percorsi musicali. La musica come strumento per favorire la socializzazione e la cooperazione tra ragazzi svantaggiati e con diverse abilità.

“La musica è il talento di tutti” sono state le parole del maestro Gargiulo che in occasione della presentazione del progetto, stamane nel chiostro del Comune, ha spiegato come l’intento di questo lavoro non sia tanto quello di creare musicisti quanto piuttosto cittadini consapevoli. Questo perchè si avvierà un vero e proprio percorso educativo che consentirà anche di lavorare sull’aspetto emozionale che la musica sarà in grado di veicolare, come spiegato dalla psicologa Adriana Gadaleta.

L’importante lavoro di programmazione svolto dalle due associazioni, con il supporto dell’assessore Pontiggia, vede nel dott. Giuseppe Musicco, Dirigente della Sezione Studio e Supporto alla Legislazione e alle Politiche di Garanzia presso Regione Puglia un importante alleato, come lo stesso ha fatto sapere, promettendo di continuare a voler supportare esperienze come quelle di cui è espressione “Emozioni in musica”. Anche il sindaco di Gioia, Giovanni Mastrangelo, ha fatto sapere di voler continuare a lavorare affinchè progetti inclusivi come questo, su Gioia, possano diventare una realtà permanente ed importante, anche nell’ambito dei Piani sociali di zona, di cui il nostro Comune è capofila.

Secondo quelle che sono le indicazioni anti-Covid, i ragazzi saranno divisi in tre gruppi, e saranno seguiti da tre operatori musicali specializzati.

Al termine della presentazione del progetto, l’amministrazione, su proposta dell’assessore Pontiggia, ha voluto donare all’Asotudis un albero. “Un albero per la disabilità affinchè possa mettere radici forti e crescere” ha detto l’Assessore, consegnandolo simbolicamente alla presidente dell’associazione gioiese, Nicoletta Pavone, che non è riuscita a trattenere le lacrime. “Sono lacrime di Gioia – ha detto- anche perchè finalmente abbiamo avviato un importante dialogo con l’amministrazione e questo ci mancava da tempo”.

L’idea dell’albero nasce sulla scorta di quanto fatto proprio pochi giorni fa dalla Regione Puglia che vicino alla propria sede ha voluto piantumare un alberello in memoria di Pino Tulipani, Garante per i disabili, venuto a mancare durante il periodo più buio dell’emergenza Covid.