Due donne in manette per aver raggirato un disabile

La sinergia tra l’Arma dei Carabinieri e Poste Italiane continua a dare i suoi frutti. Proprio grazie all’intuito di un arguto impiegato dell’ufficio postale, i Carabinieri hanno smascherato due donne del posto, di 39 e 29 anni, responsabili di un vile raggiro ai danni di un 40enne con problemi psichici, tentando di spillargli 50 euro, dietro la promessa di una prestazione sessuale e minacciandogli percosse; scoperte, sono finite dietro le sbarre, con l’accusa di tentata estorsione in concorso.

È accaduto martedì mattina in piazza Plebiscito, a Gioia del Colle, dove il malcapitato è stato avvicinato dalle donne, le quali, dichiarando uno stato di bisogno, hanno preteso 50 euro. Al rifiuto opposto dal malcapitato, le due, promettendogli una prestazione sessuale ed intimorendolo con ritorsioni, sotto la minaccia di percuoterlo, lo hanno accompagnato presso l’ufficio postale, di via Ricciotto Canudo, per fargli prelevare il denaro.

È stato un impiegato dell’ufficio che, accortosi dell’anomala situazione, ha segnalato il caso al 112.

Una “gazzella” del Pronto Intervento è piombata presso l’ufficio postale e ha bloccato le due donne, che alla vista della pattuglia avevano tentato di allontanarsi frettolosamente.

Compiuti gli accertamenti del caso, per le due complici sono scattate le manette.

Per loro la Procura della Repubblica di Bari ha disposto il trasferimento in carcere.