Domus Verba: un fitto calendario di iniziative a Palazzo Romano Eventi

A Palazzo Romano ormai la cultura è di casa, e lo è ancor di più e a maggior ragione grazie a Domus Verba, le parole della casa”, ha sottolineato Livio Addabbo che ha presentato insieme a Myriam Saputo e al padrone di casa, l’avvocato Lucio Romano, il calendario della stagione di Palazzo Romano, a Gioia del Colle, chiamato appunto Domus Verba.

I primo di questi appuntamenti è il 22 novembre con La stanza dei racconti, romanzo di Martino Sgobba presentato da Giacomo Leronni. Una serata inaugurale di spessore con autore e presentatore accomunati dall’esperienza nell’ambito della docenza scolastica ma soprattutto dal culto per la parola che da esso deriva e che trova felici esiti nella narrativa in Sgobba, e in Leronni anche nella poesia.

Dal 22 novembre sarà ospitata anche un’istallazione d’arte contemporanea dal titolo “Pungere”, firmata dall’artista gioiese Filippo Tolentino, una mostra che sarà possibile visionare durante tutte le serate letterarie. Tolentino, classe 1994, laureato in giurisprudenza, pittore e regista, è reduce dalla partecipazione al festival internazionale CinePalium e dalla vincita del primo premio di un concorso indetto dalla galleria Beluga di Rutigliano.

Il 28 dicembre con Io valgo di più di Antonella Caprio e Annamaria Minunno, ci sarà Franco Caprio, già ospite di Palazzo Romano Eventi.

A seguire, un’altra vecchia conoscenza di Palazzo Romano Eventi, il professor Pierluca Cetera, dialogherà con un autore speciale, il fratello Marco, che il 3 gennaio presenta Fai di Me quello che vuoi. Un gradito ritorno quello di Pierluca, che aveva curato l’allestimento della mostra Etra, la direzione artistica di Come Fiori nel foyer del Teatro Rossini e poi ancora la bottega d’arte di Muraglioso.

Il 19 gennaio Raffaella Rizzi, questa volta non in veste di scrittrice ma di presentatrice di Chimena Palmieri e del suo Volevo essere una groupie. Raffaella Rizzi in passato ha presentato il suo Folle Solitarie, ha contribuito ad animare il dibattito di Inchiostro di Puglia e ha portato a Gioia Francesco Carofiglio nell’ultima edizione di Storie di Piazza e ha dialogato con Gianrico Carofiglio il 31 ottobre dell’anno scorso.

Si torna a parlare di poesia il 25 gennaio con un autentico maestro, Vittorino Curci. Già ospite a Gioia nelle vesti di ideale testimone del verso durante l’edizione 2016 della Notte della Poesia, ha incantato il pubblico anche in altre vesti e non è escluso che non torni a farlo. Diverse le sue raccolte poetiche, come Liturgie del Silenzio, ma stavolta presenta un libro diverso, incentrato sul fare poesia, Note sull’arte poetica. E a presentarlo non poteva che essere un’altra autorità in materia come Giacomo Leronni.

Ultimo appuntamento letterario di Domus Verba sarà l’8 febbraio con un ospite d’eccezione, Gianni Mattencini. Presidente della Corte d’Assise del Tribunale di Bari, è autore di una fortunata serie di noir. Uno dei quali presentato non a caso durante l’edizione 2016 della Notte di Inchiostro di Puglia. Al pubblico il dottor Mattencini presenterà L’onore e il silenzio, dialogando con il giornalista Rai Enzo Quarto.

“Come ormai sapete bene, – evidenzia Myriam Saputo, presentatrice insieme a Livio Addabbo del fitto calendario culturale – Palazzo Romano è un contenitore culturale che promuove l’arte e la bellezza a 360° e Domus Verba non è che il riflesso di questa volontà di fondere e diffondere contenuti, dall’arte alla musica passando per la letteratura”.

Il calendario prevede, in data 30 novembre, il ritorno di Vittorino Curci questa volta nella duplice veste di musicista – oltre ad essere un apprezzato poeta è anche un ottimo sassofonista- e presentatore del romanzo psicologico-surrealista “La falla oscura” di Paolo Castronuovo. Castronuovo è un giovane poeta e scrittore tarantino, che è stato già in passato ospite di Palazzo Romano nel 2017 nell’ambito di Inchiostro di Puglia, dove presentava la raccolta di versi “Labiali”.

Dalla musica si passa alla fotografia: Domus Verba propone infatti il 15 dicembre, un incontro con Enrica Simonetti, capo servizio spettacoli della Gazzetta del Mezzogiorno, che ci presenta il suo Puglia Viaggio nel colore, un book fotografico che è un vero e proprio inno ai sapori e ai colori di Puglia. Sarà presente in sala per l’occasione anche il fotografo, Nicola Amato.

Ad allietare la serata ci saranno Roberto Re David alla tastiera e Ernesto Losavio al contrabbasso, che suoneranno delle musiche a tema.

La musica sarà ancora protagonista nella serata conclusiva della rassegna, il 22 Febbraio, dedicata interamente all’improvvisazione. Il pretesto per calarci nel mood sarà la presentazione condotta da Giuseppe Goffredo del libro del musicista e docente di filosofia Alberto Maiale dal titolo “Attorno all’improvvisazione”. Ritornerà inoltre Roberto Re David con la tastiera affiancato questa volta dal violino di Giuseppe Amatulli: il risultato sarà quello di un frizzante concerto.