Dipendenti Coop di Gioia: martedì sit-in “Vogliamo una soluzione”

Le lavoratrici e i lavoratori del supermercato coop di Gioia del Colle, chiuso da novembre 2017, tornano in piazza per manifestare contro la mancanza di una risposta certa al loro futuro.

le federazioni provinciali di categoria Cgil Cisl e Uil  viste le carenti informazioni relative al procedimento Piru, con cui l’Amministrazione, Regione e Coop dovrebbero sanare la questione che ne ha portato alla chiusura a seguito di sentenza del Consiglio di Stato, e vista la mancata risposta ad una richiesta di incontro col Commissario prefettizio hanno organizzato un sit-it a palazzo San Domenico dalle 9.30 alle 12.30 con l’allestimento di una mostra fotografica per sensibilizzare l’opinione pubblica sugli effetti della chiusura del supermercato.

“Per chiedere ancora una volta – si legge in una nota dei lavoratori – di trovare una soluzione definitiva per riaprire il punto vendita e ridarci il lavoro e la dignità.

Dopo un anno dalla chiusura del supermercato noi siamo ancora qui, chiediamo solo un gesto di responsabilità di tutte le parti coinvolte in questa brutta vicenda. La chiusura del supermercato ha provocato soprattutto gravi ripercussioni socio-economiche sulle famiglie dei dipendenti coinvolti e sull’intera cittadinanza di Gioia del Colle; in particolare l’abbandono e il degrado generato in quest’ultimo anno è palese a tutti, ma soprattutto ai residenti della zona.

Chiediamo a tutta la cittadinanza di unirsi a noi. Chiediamo “il lavoro prima di tutto”, così come recita la nostra amata costituzione “L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro…”

la foto si riferisce al sit-in del novembre 2017