Coop: in Regione si farebbe strada una soluzione

Sul caso Coop Gioia del Colle ieri pomeriggio si è tenuto il primo incontro presso la Regione Puglia alla presenza dell’azienda, dei sindacati, dell’Amministrazione comunale e tecnici regionali.

Intanto per quanto riguarda la questione dei vizi edilizi, Coop pare abbia pagato proprio ieri mattina l’intera cifra sanzionatoria rimanente, prevista dall’applicazione dell’art. 38 del Testo unico sull’edilizia, calcolata dall’Agenzia delle Entrate a circa 500mila euro, facendosi carico anche delle somme previste per gli altri proprietari dell’immobile, visto che i suoi 90mila erano già stati versati nelle casse comunali.

Ma per risolvere il vizio urbanistico pendente sulla zona, che sorge in un’area destinata a servizi e non al commercio, sembra che ieri presso la Regione Puglia si sia fatta strada l’idea sempre più concreta di poter attivare un Piano Integrato di Rigenerazione Urbana, i cui tempi di applicazione, secondo quanto calcolato dai tecnici regionali, sembrerebbero di circa 100 giorni.

Se si dovesse scegliere di percorrere questa strada, i sindacati sarebbero già pronti a lavorare per ottenere ammortizzatori sociali che possano tutelare i 34 dipendenti di Coop su cui pende una procedura di mobilità.

Il tavolo è stato riprogrammato per il prossimo 20 novembre, quando le parti avranno le idee più chiare sul percorso da intraprendere.

Intanto il Sindaco Donato Lucilla questa mattina è nuovamente in Regione per approfondire l’eventuale piano d’azione.