Come saranno le scuole dei nostri figli quest’anno? Il Sindaco le presenta. Il video

Posticipato al 28 settembre il giorno della prima campanella dell’inizio del nuovo anno scolastico, le scuole di Gioia del Colle hanno subìto delle vere e proprie trasformazioni.

Con i 130mila euro in totale giunti per adeguare gli ambienti degli edifici scolastici per ospitare in sicurezza gli studenti a causa dell’emergenza Covid-19, in poco meno di un mese le scuole medie hanno subito delle vere e proprie trasformazioni.

Il Sindaco Giovanni Mastrangelo presenta le scuole

Le scuole Carano e Losapio sono state quelle maggiormente interessate dai lavori. Entrambe rinunceranno, almeno per quest’anno, ai laboratori e a spazi comuni, ma da ora potranno godere di aule spaziose e luminose che gli studenti gioiesi meritavano da tempo. Distanza tra i banchi assicurata per tutti, ma quando l’emergenza finirà e si potrà tornare ad avvicinarsi, si avranno classi che rispondono alla normativa prevista.




Di fatto sono stati abbattuti diversi muri, portati avanti e, ad esempio, da tre aule piccole, ne sono state ricavate due grandi.

Anche il plesso di via Eva è stato oggetto di diversi lavori e ampliamenti, come la scuola di via Moro e di via Soria, dove non esiste più l’enorme atrio all’ingresso dove di faceva mensa.

Tanto lavoro e tanto da mettere in ordine, proprio per questo i Presidi hanno chiesto di posticipare il primo giorno di scuola, affinchè fosse permessa una pulizia puntigliosa degli ambienti e una sanificazione.

Insieme al Sindaco Giovanni Mastrangelo, abbiamo visitato questi luoghi  a poche ore dalla consegna dei lavori, mentre i plessi sedi di seggio venivano tirati a lucido per permettere di mettere in sicurezza la gente che si recherà a votare.

Nella foto di copertina un’aula della scuola elementare Mazzini