Una busta con due proiettili tra la posta destinata al Comune. Il Sindaco: “Sono tranquillo”

Due bossoli calibro 9, svuotati della polvere da sparo, sono stati trovati nella posta che quotidianamente arriva nella Segreteria del Sindaco di Gioia del Colle.



Ad aprire la busta il Capo di Gabinetto, Grazia Orlando, che nel plico delle lettere che sono arrivate l’11, nella tarda mattinata, ne ha notata una diversa. Aveva il francobollo non annullato dall’ufficio postale e in mezzo vi era stampato un nome e un cognome e un indirizzo. Nel lembo interno un altro nome con una chiara minaccia “la vendetta è un piatto che va servito freddo”. All’interno un foglio bianco piegato in tre e i due bossoli vuoti.

I due nomi – dice il Sindaco Giovanni Mastrangelo durante la conferenza stampa – non sono per nulla riconducibili né all’Ufficio, né al Sindaco, né all’Amministrazione. Non abbiamo per nulla verificato se si tratti di nomi di fantasia, ma abbiamo consegnato tutto alle forze dell’ordine che stanno procedendo alle indagini del caso”. Il Sindaco e il Capo di Gabinetto si mostrano tranquilli, tanto che una volta consegnato il tutto al Comandate della Compagnia dei Carabinieri non volevano darne pubblicità, ammettono. La questione non li tocca in nessun modo, dicono, né in questi mesi si sono verificati episodi, che seppur importanti, hanno potuto produrre tali effetti. Quando le indagini porteranno a qualche risvolto, la questione potrebbe diventare comunque di dominio pubblico e allora si è deciso di dirlo.

E’ del tutto evidente che ora occorre potenziare la sorveglianza del Palazzo Municipale – continua Mastrangelo – con telecamere che permettano di lavorare con tranquillità. Non mi turba tanto il fatto di quella lettera che ci è stata recapitata, quanto la facilità con cui si possano manomettere cose di questo tipo”.

Perché in effetti qualcuno ha inserito la lettera non affrancata nella posta e non molti sanno che viene aperta dalla Segreteria del Sindaco. Con il nome non riconducibile ad alcuno di quegli uffici, è evidente che la lettera è stata messa nel mucchio.

Per ora comunque sull’autore e sul perché del gesto non ci sarebbero ipotesi.