Blitz anticaporalato nelle campagne gioiesi

Sono stati i Carabinieri della Compagnia di Castellaneta insieme al Nucleo dell’Ispettorato del Lavoro di Taranto, che durante alcuni controlli contro il “caporalato”, si sono soffermati in alcune aziende che hanno terreni ricadenti nella provincia barese.

Proprio durante uno di queste ispezioni i Carabinieri hanno controllato un’azienda di Gioia del Colle, al cui arrivo alcuni operi che stavano lavorando hanno tentato di fuggire tra i campi.

Raggiunti dai militari, si è proceduto ai controlli.

Una persona è stata denunciata per “caporalato”, reato di intermediazione illecita di manodopera e sfruttamento del lavoro, mentre due sono le denunce in stato di libertà, per altrettanti imprenditori agricoli, per l’impiego di manodopera irregolare. Alle stesse imprese sono state comminate sanzioni amministrative per complessivi 80mila euro con 19 violazioni di carattere amministrativo e penale contestate. Per una delle due imprese è scattata la misura cautelare amministrativa della sospensione dell’attività di impresa.

È stato inoltre constato che 9 lavoratori su 10 controllati non erano in regola, mentre tutti sono risultati irregolari sotto il profilo della vigilanza tecnica, in materia si sicurezza sui luoghi di lavoro.