Attentati alla mensa sociale Ladisa. Il Governo: Gioia continuamente monitorata. Anche dall’Antimafia

Il meglio della fibra tim

Il meglio della fibra tim

Questa mattina il sottosegretario agli Interni Domenico Manzione ha risposto in Aula ad una interrogazione presentata dall’Onorevole Alberto Losacco, sui fatti accaduti il 5 ottobre scorso presso la mensa sociale della Ladisa di Gioia del Colle e quali iniziative intende assumere il Governo per rafforzare l’attività di vigilanza presso la struttura indicata e scongiurare il ripetersi di episodi tanto inquietanti. La struttura, infatti, era già stata oggetto di atti vandalici nei mesi precedenti, ma il 5 ottobre scorso a qualche ora dalla sua inaugurazione, l’incendio che interessò alcuni locali fece pensare subito ad un atto intimidatorio.

A seguito di questo ultimo atto, ha risposto il sottosegretario, si tenne una riunione col comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, presso la Prefettura di Bari, con la partecipazione del Procuratore della Repubblica. “In tale sede – ha sottolineato il sottosegretario – è stata disposta l’attuazione di un servizio di vigilanza dinamica della struttura comunale e l’ulteriore intensificazione delle attività di controllo del territorio comunale, mediante servizi straordinari, con l’impiego di pattuglie del comando provinciale dei carabinieri e della compagnia di intervento operativo dell’XI Battaglione Carabinieri Puglia”.

“Su un piano più generale, rassicuro l’onorevole Losacco –  ha continuato Manzione- che la situazione della sicurezza pubblica nel Comune di Gioia del Colle è costantemente monitorata, come testimonia anche l’indice della delittuosità, che ha registrato nel 2016 una riduzione di oltre il 14% rispetto all’anno precedente. Ugualmente, gli indici dei reati di danneggiamento e di danneggiamento seguito da incendio hanno evidenziato una flessione, pari, rispettivamente, al 4 e al 38%. Comunque, la situazione è oggetto di costante attenzione da parte della Prefettura di Bari e viene costantemente monitorata dalle Forze dell’ordine, non solo per i profili di prevenzione generale e controllo del territorio, frutto di intese in sede di comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, ma anche attraverso indagini coordinate dalla locale direzione distrettuale antimafia. Per completezza, rappresento che nel Comune di Gioia del Colle è dispiegato un rilevante apparato di sicurezza, composto complessivamente da 93 unità di personale, di cui 11 appartenenti alla Polizia di Stato, in servizio presso il distaccamento della Polizia stradale, 25 appartamenti alla Guardia di Finanza, in servizio presso la Tenenza, e, infine, 57 militari dell’Arma dei carabinieri, quest’ultima presente nella cittadina con una compagnia e una stazione”.

“Bene l’attenzione su Gioia del Colle dove, esiste un costante monitoraggio non solo da parte delle forze dell’ordine, ma anche della Direzione Distrettuale Antimafia.” Così il deputato barese del PD, Alberto Losacco.

Esprimo anzitutto la mia solidarietà – ha detto Losacco nella sua replica – al vicesindaco Enzo Cuscito per la brutale aggressione degli scorsi giorni. È un ulteriore campanello d’allarme sulla situazione di Gioia del Colle dove, lo scorso ottobre, un centro di ristorazione per i bisognosi è stato oggetto di un incendio di carattere doloso. Non dobbiamo abbassare la guardia perché lo sviluppo del Mezzogiorno passa dal contrasto di questi fenomeni, dalla possibilità delle amministrazioni di poter lavorare con la massima serenità”.

Manzione ha poi ricordato come sulla vicenda specifica dell’incendio doloso sono tutt’ora in atto indagini coperte da segreto istruttorio ma che, data l’importanza del tema, sono coordinate dal Nucleo del Comando Provinciale dei Carabinieri: “La Ladisa – sottolinea ancora Losacco – è un’azienda molto importante, che prepara pasti per circa 15mila persone e dà lavoro a circa 3mila persone. Rafforzare il presidio del territorio è questione imprescindibile. Vanno rafforzati gli organici delle forze dell’ordine dislocate in questo comprensorio che rappresenta una delle aree economiche più dinamiche del territorio del barese e dell’intera Puglia. Per questo bene tutte le misure che vanno in questa direzione, a cominciare dal coinvolgimento della DDA e degli organismi provinciali delle forze dell’ordine. Quanto sta accadendo a Gioia del Colle non può e non deve essere sottovalutato.”

 

Nella foto l’on. Alberto Losacco