Amministrative2019/ Prodigio: Giuseppe Procino parla di ambiente, Itea e traffico

Orientamento formativo e riorientamento

Orientamento formativo e riorientamento

Il Movimento politico Prodigio non perde tempo ed entra nel vivo della campagna elettorale iniziando a spiegare nel dettaglio il suo programma elettorale per Gioia del Colle.

Inizia con l’ambiente, tema reso particolarmente attuale dalle ultime vicende che hanno coinvolto il centro sperimentale Itea, sottoposto, nelle settimane scorse a sequestro preventivo dalla magistratura barese.

A presentare l’argomento c’era oltre il candidato sindaco Donato Colacicco e la “candidata vicesindaco” Daniela De Mattia, il “candidato assessore” Giuseppe Procino.

Docente universitario e ricercatore in biotecnologia all’Università di Bari, dopo una breve presentazione di Colacicco e un excursus da parte di De Mattia sulla questione Itea su quello che è stato fatto negli ultimi anni durante l’amministrazione Lucilla, Procino ha voluto raccontare l’emergenza ambientale legata alle fonti di inquinamento a Gioia “perché occorre conoscenza e consapevolezza del problema” ha precisato. E la conoscenza la si può avere attraverso il confronto con esperti del settore che potranno riunirsi in quello che è un punto importante del programma: la Casa della scienza. Si tratta di un luogo fisico da individuare tra gli immobili comunali dove concentrare attività scientifica e di approfondimento.

E snocciola dati presi dall’osservatorio epidemiologico regionali sull’incidenza della mortalità fermi al 2005, ma anche dall’Istat, con i dati sulla mortalità della popolazione gioiese fino al 2017, per cause comunque che l’Istituto statistico non precisa.

Tra i fattori di impatto sulla qualità dell’aria vi è sicuramente il traffico, che dovrebbe essere sottoposto ad una gestione più mirata. “Ci sono le risorse, per cui una volta monitorati i punti traffico di Gioia, si dovrà procedere ad uno studio e all’approvazione di nuovo piano traffico per Gioia, per poter migliorare il flusso dei veicoli e la qualità dell’aria” dicono Procino e De Mattia in qualità di delegata all’urbanistica.

Per quanto riguarda la questione Itea il prof. Procino è lapidario: “occorre sospendere ogni allarmismo, nell’attesa di conoscere nel dettaglio il dispositivo di sequestro preventivo dell’impianto e i reati eventualmente contestati”.