Amministrative2019/ Il centrosinistra presenta il candidato sindaco Donato Paradiso

“Orientamento formativo e riorientamento”

“Orientamento formativo e riorientamento”

“Gioia ha bisogno di rinascere e di recuperare un’anima. Deve fare uno sforzo, uno scatto di orgoglio, per ricominciare ad amarsi”.

Così ha esordito Donato Paradiso, candidato sindaco del centrosinistra per le prossime amministrative di Gioia del Colle, durante la sua presentazione coi rappresentanti delle liste che per ora lo sostengono: Dario Magistro per La Bottega, Alessandro De Rosa per aSinsitra, Maurizio Liuzzi per il Partito Democratico e Milena Pavone per Liberi e Uguali.

Della possibile riunione del centrosinistra gioiese se ne parlava dalla scorsa estate, ma diverse prese di posizioni soprattutto sui modi di individuazione del candidato sindaco avevano creato frizioni anche forti tra i gruppi politici, tanto che a inizio gennaio ormai si riteneva che l’unione era cosa lontana. Di fatto, il passo di lato del Partito Democratico che ha rinunciato ad un proprio nome e alle eventuali primarie, convergendo sul nome di Donato Paradiso, ha disteso i rapporti e gli animi.

“Perché la nostra è una unità sostanziale, che si fonda sui valori di sinistra che non si possono barattare con altro”, ha sottolineato Paradiso.

Del resto come ha evidenziato Maurizio Liuzzi, segretario del PD, “Nella mia mozione congressuale circa un anno e mezzo fa, esposi la mia volontà di unire il centrosinistra gioiese. E l’impegno del PD in questa campagna elettorale sarà massimo, così come se Donato fosse espressione del nostro partito”.

Poi una piccola annotazione a margine sui toni della campagna elettorale che si auspicano pacati e concentrati sulla discussione dei contenuti, come anche auspicato anche dal candidato di centrodestra Giovanni Mastrangelo.

In realtà, ci manca un pezzo del centrosinistra e auspichiamo che si avvicini presto a questo progetto” ha commentato Alessandro De Rosa di aSinistra riferendosi al fatto che il Partito Comunista Italiano e il gruppo Atlante per ora rimarrebbero fuori dalla compagine. “E’ un esperimento che viene osservato anche altrove e Gioia torna ad essere un laboratorio politico positivo”, ha concluso.

Anche Milena Pavone di Leu evidenzia soddisfazione per questa compagine e sottolinea come a Gioia del Colle il suo partito in un anno ha lavorato tanto “Su questo progetto non ci siamo mai tirati indietro e questo risultato mi sembra un punto di partenza ottimale”.

Dario Magistro, rappresentante de La Bottega, non nasconde la sua felicità “Abbiamo sfatato il mito che il primo nome viene fatto per bruciarlo”. In effetti proprio La Bottega ha sempre avuto la barra dritta sul nome di Donato Paradiso e sulla inopportunità di eventuali primarie all’interno della coalizione. “Ma è anche grazie al PD che siamo qua, manca la sinistra, ma stiamo provando a coinvolgerli”, ha aggiunto.

Intanto Paradiso promette che per metà marzo verrà presentato il programma della coalizione sui cui adesso si sta lavorando per unire le varie idee.

Sulla squadra di governo è molto chiaro: “Il mio ViceSindaco sarà Maurizio Liuzzi, – afferma Paradiso – sugli altri membri della Giunta avrò invece completa carta bianca e saranno scelti in base alle capacità tecniche e politiche. Di sicuro, Gioia avrà un Assessore alle Finanze e uno all’Urbanistica”.  

Di fatto da ieri, il quadro di questa campagna elettorale è pressoché completo. Le varie forze politiche sono ormai quasi tutte in campo e si auspica che al più presto si possano mettere a confronto i contenuti dei vari programmi.

“Orientamento formativo e riorientamento”

“Orientamento formativo e riorientamento”