Alberi abbattuti per la sicurezza cittadina verranno sostituiti con nuove piante

Finito il tempo della ricognizione del verde pubblico, ora l’amministrazione comunale è passata a quello della potatura degli alberi presenti per le vie del centro cittadino.



Non si sta operando solo la potatura, ma anche l’eliminazione di quegli alberi che Giuseppe Colangelo, dottore forestale e specialista incaricato dal Comune di Gioia del Colle di seguire in questa fase il verde pubblico, ha minuziosamente controllato, e ha quindi ritenuto malati o ormai morti.

“Nella pianificazione degli interventi di manutenzione e potatura delle alberature  – ha sottolineato il dottor Colangelo – è stato definito uno specifico protocollo di verifica e di intervento atto a preservare quanto più possibile lo stato di salute e il valore ornamentale degli alberi. Non sono poche le criticità cui è stato necessario ovviare. Nella quasi totalità dei casi gli ultimi interventi risalgono ad un decennio fa. Ma soprattutto sono stati realizzati interventi irrazionali di capitozzatura che hanno seriamente danneggiato gli alberi ed hanno innescato processi di decadimento strutturale che nella situazione attuale si possono risolvere in maniera quasi esclusiva con l’abbattimento. La scelta è dolorosa, ma necessaria e dettata dall’esigenza di preservare l’incolumità dei cittadini”.

Intanto l’elevato numero di alberi abbattuti implica la necessità di operare una graduale sostituzione di quanto è stato eliminato. Proprio in questi giorni il Comune sta effettuando una ricognizione delle risorse economiche da poter destinare al nuovo impianto di alberi.

Ma quali saranno i criteri di scelta delle nuove essenze? “I criteri di scelta delle nuove essenze – sottolinea sempre Colangelo – potranno variare in funzione di diversi aspetti come lo spazio disponibile per l’albero nella sua dimensione definitiva, la tipologia dell’area di impianto (viale, area verde, piazza) e la dimensione “storica” dell’area di impianto”.

Quindi nulla lasciato al caso ed è lo stesso Sindaco Mastrangelo a sottolineare la pericolosità che avevano diversi arbusti danneggiati da una manutenzione negativa. “E stato fatto innanzitutto uno studio sugli alberi che attorniavano le scuole per verificarne la loro staticità e in effetti, come evidenziato dagli stessi tecnici, c’erano alberi che esternamente non sembrano secchi, ma che con un vento sostenuto rischiano di cadere provocando danni seri. Fra questi alberi ci son quelli eliminati nei pressi della scuole medie. Gli alberi eliminati – ha concluso il Sindaco – verranno sostituiti, evitando essenze come ad esempio i pini marittimi che creano disagi non solo per gli aghi che intasano le grondaie ma anche per le radici che sollevano le pavimentazioni”.